La fame incombe nel Corno d’Africa, aiuti troppo pochi a causa dei “disastro in competizione”

La fame incombe nel Corno d’Africa, aiuti troppo pochi a causa dei “disastro in competizione”

La crisi del coronavirus, una devastante invasione di locuste, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari, i conflitti e la persistente siccità, anche a causa del cambiamento climatico: il Corno d’Africa sta subendo colpo dopo colpo. Più di tredici milioni di persone hanno troppo poco da mangiare.

Ma non ci sono abbastanza soldi per aiutare queste persone, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per gli aiuti alimentari, il WFP. Questo perché anche altre aree di crisi richiedono attenzione e hanno bisogno di aiuto, come Yemen e Ucraina.

sette mucche

Anni fa, nel villaggio di Showli, nel nord del Kenya, possedevano migliaia di mucche, pecore, capre e cammelli. Oggi solo sette mucche attraversano il paese alla ricerca di un filo d’erba. Trovano solo cartone vecchio da masticare. Gli animali hanno solo pelle e ossa. Al mattino possono solo alzarsi e stare in piedi con l’aiuto del proprietario, sono così deboli.

Perché non c’è niente da mangiare e niente da bere. Nell’estrema periferia, tutti i bacini d’acqua sono vuoti. “Stiamo mantenendo in vita i nostri ultimi animali preparando loro del porridge di mais e dando loro l’acqua che trasportiamo dalla città”, ha detto l’anziano del villaggio Daoud Mohammed. “Questa è la peggiore siccità che abbia mai visto in oltre 50 anni di vita”.

Nella zona molto secca le conseguenze sono visibili ovunque e la disperazione è palpabile. Siamo andati a vedere:

READ  Impicca la figlia al balcone per punirla, finisce in tragedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *