La guerra finirà in una situazione di stallo?

La guerra finirà in una situazione di stallo?

Veicolo militare dell'esercito ucraino su una strada a Kiev.  ImmagineAFP

Veicolo militare dell’esercito ucraino su una strada a Kiev.ImmagineAFP

Se Vladimir Putin avesse dato un’occhiata alle mappe di guerra dell’Institute for the Study of War, un think tank americano che segue da vicino la sua invasione dell’Ucraina, ciò non soddisferebbe il presidente russo. Certamente, gran parte dell’Ucraina a nord, est e sud si colora di un bel rosa: occupata dai russi.

Ma il 29° giorno dell’invasione, una guerra che Putin prevedeva di risolvere con una guerra lampo in pochi giorni, Mosca non ha ancora conquistato una sola grande città. In effetti, i generali russi devono guardare mentre l’esercito ucraino, molto più piccolo, è andato all’offensiva in questi giorni su Kiev, il più grande premio strategico della forza d’invasione.

Secondo gli Stati Uniti, le truppe russe che avanzavano da est verso la capitale sono state respinte di oltre 20 chilometri negli ultimi giorni. Ora sono a 55 chilometri dal centro di kyiv. L’avanzata nord-occidentale, che arranca da settimane, è bloccata. L’esercito ucraino afferma di aver preso il controllo della città di Makariv. Se questo è il caso, i russi non saranno in grado di completare l’accerchiamento di Kiev da ovest.

Un soldato ucraino in prima linea a nord di kiev.  Immagine Reuters/Gleb Garanich

Un soldato ucraino in prima linea a nord di kiev.Immagine Reuters/Gleb Garanich

I russi stanno affondando

L’intelligence britannica afferma che ora è “reale possibilità” che gli ucraini possano circondare le forze russe vicino a Bucha e Irpin. Il Pentagono afferma che le migliaia di russi nel nord-ovest, che sono stati a circa 20 chilometri dal centro di Kiev per settimane, “si stanno scavando e prendendo posizioni difensive”. Insomma, al momento non rappresentano nemmeno una minaccia per la capitale.

Un esercito ucraino che prenda l’iniziativa, piuttosto che aspettare gli attacchi nemici, è l’ultima cosa che l’esercito russo in difficoltà può usare ora. Perché aumenta le possibilità di una lunga guerra che nessuna delle parti può risolvere. Una simile resa dei conti militare sarebbe un incubo per il Cremlino, che vuole mettere in ginocchio Kiev.

Guerra di logoramento

“La guerra è a un punto morto?”, chiede su Twitter Michael Kofman, grande specialista dell’esercito russo. “Sì e no”, dice Kofman, che è affiliato al think tank statunitense CNA. “Le truppe russe possono avanzare lentamente e gradualmente nel Donbass. Tuttavia, penso che l’esercito ucraino possa resistere sulla maggior parte dei fronti e forse anche contrattaccare su altri. Una battaglia di logoramento avrà senza dubbio il suo tributo da entrambe le parti.

L’ex generale Dick Berlin, il soldato olandese di grado più alto fino al 2008, pensa che sia ancora troppo presto per parlare di una situazione di stallo. “È positivo che gli ucraini stiano ancora combattendo”, ha detto l’ex comandante delle forze armate. “Ma la Russia ha ancora molte opzioni, come il dispiegamento di armi ipersoniche e forse anche armi di distruzione di massa, per intensificare e porre fine alla battaglia. Verrà il momento in cui Putin dirà: ‘Non lasciamo che non accada’, dove lo farà decidere su una grande escalation.

Un soldato con un'arma anticarro (a destra) in prima linea a nord di kiev.  Immagine Reuters/Gleb Garanich

Un soldato con un’arma anticarro (a destra) in prima linea a nord di kiev.Immagine Reuters/Gleb Garanich

Secondo Kofman, le prossime due settimane saranno cruciali per la continuazione della guerra. Le truppe russe sono a corto di rifornimenti, dal cibo alle munizioni, e quindi dovrà essere avviata una massiccia operazione di rifornimento. Nelle prossime due settimane Mosca cercherà ancora di risolvere la battaglia, se necessario con una maggiore accelerazione della guerra, o ci sarà una “pausa operativa” seguita da una ripresa dei combattimenti tra due settimane?

Kofman sottolinea che anche l’esercito ucraino è a corto di rifornimenti e deve essere rifornito per poter sostenere la battaglia. Se la battaglia non viene decisa a breve termine, si profila la prospettiva poco entusiasmante di una guerra di logoramento. E secondo Kofman, la Russia ha le carte migliori per tirare la paglia più lunga di sempre.

arrendersi

“Le guerre di logoramento si riducono alla manodopera e alle attrezzature, e la Russia ha entrambi”, ha detto l’esperto russo al sito di notizie. Politica† “Hanno più soldati, più equipaggiamento. A questo proposito, sono molto meno ottimista sulle prospettive dell’Ucraina. Potrebbero andare bene, ma stanno ancora perdendo quantità significative di materiale e attrezzature.

Berlino trova fin troppo facile e semplice concludere che la Russia vincerà in una simile guerra di logoramento. “È molto difficile da dire”, dice l’ex alto ufficiale. «Supponiamo che l’esercito russo tagli tutte le linee di rifornimento a Kiev. L’elettricità è tagliata, il cibo non è più consentito: un approccio medievale alla guerra. Quindi la pressione sul governo ucraino per capitolare. Questo sarà anche l’impegno di Putin. E se gli ucraini continuassero a combattere?

Un soldato ucraino lavora in una nuova trincea.  Immagine Reuters/Gleb Garanich

Un soldato ucraino lavora in una nuova trincea.Immagine Reuters/Gleb Garanich

READ  Il PD sceglie la via della prudenza: servono regole rigide per tutelare la scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *