La NATO è risorta dai morti, ma quando interverrà l’alleanza?

La NATO è risorta dai morti, ma quando interverrà l’alleanza?

La Nato è “cervello morta”, ha affermato qualche anno fa il presidente francese Emmanuel Macron. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha persino minacciato di ritirare il suo Paese dall’alleanza militare. All’America non importa della NATO, pensò.

Ma la guerra in Ucraina rende ancora una volta molto chiara l’importanza della NATO. Giovedì, i leader degli stati membri si incontreranno a un vertice a Bruxelles per vedere cosa possono fare di più che inviare truppe nei paesi dell’Europa orientale. C’è la possibilità che decidano ancora di intervenire militarmente in Ucraina?

linea rossa

L’ex alto diplomatico Henne Schuwer, che allora lavorava per il segretario generale della NATO Jaap de Hoop Scheffer, è chiaro: “È possibile”.

Eppure la NATO dice al resto del mondo: non entreremo in Ucraina e non entreremo mai in Ucraina. Schuwer comprende questo messaggio. “Ci sono alcuni paesi della NATO che non vorranno mai intervenire. Avevano bisogno di quella sicurezza, se vuoi che la NATO rimanga unita”.

L’intervento militare renderebbe troppo grande la possibilità di una guerra più grande o addirittura di una guerra nucleare tra l’Occidente e la Russia, secondo questi paesi. Tuttavia, potrebbe arrivare un momento in cui la NATO ritenga ancora necessario inviare truppe in Ucraina, afferma Schuwer.

Né le armi chimiche sono ancora un fattore scatenante automatico per un conflitto a tutti gli effetti.

David van Weel, Segretario generale aggiunto della NATO

Quale potrebbe essere questo punto? Le armi chimiche e biologiche lo sono spesso Nominato come una linea rossa. Schuwer: “Supponiamo che ci sia un attacco con armi chimiche con decine di migliaia di morti. Qual è la reazione della popolazione europea? Non lo so”.

“Tale uso di armi chimiche non può rimanere impunito”, afferma David van Weel. In qualità di vicesegretario generale, è il braccio destro del capo della NATO Jens Stoltenberg.

Lo stesso Stoltenberg mercoledì sera ha avvertito la Russia di “considerevoli conseguenze” se il paese avesse fatto ricorso a tali armi. Eppure, dice Van Weel, questo passaggio “non sarebbe ancora automatico”. grilletto si stanno dirigendo verso un conflitto totale della NATO con la Russia”.

Stabilire una no-fly zone può essere un passo prima di inviare truppe di terra. Ciò significherebbe che le unità dell’esercito della NATO abbattono gli aerei russi che entrano nello spazio aereo ucraino. In questo modo è possibile evitare attacchi con bombe e l’esercito ucraino può combattere le truppe di terra russe dall’alto in modo più sicuro.

Ma la NATO ha già questa opzione rifiutare† Sconsiderato, pensa il generale fuori servizio Ben Hodges. Fino a cinque anni fa era comandante in capo di tutte le truppe statunitensi in Europa. “Perché dire al nemico che non vuoi impostare una no-fly zone? Anche se non hai mai intenzione di farlo, mantieni l’opzione sul tavolo.”

“Una no-fly zone è un gioco”

prima supplicato l’ex comandante della NATO Philip Breedlove per una variante leggermente più mite: una no-fly zone umanitaria. “Non ti uccidiamo a meno che tu non spari alle persone che proteggiamo.”

Ma anche il direttore generale della NATO Van Weel ha serie riserve al riguardo. “Una no-fly zone significa solo intraprendere un’azione offensiva in Ucraina. Con aerei e missili, eliminare le difese aeree russe e gli aerei russi. È un grosso problema e qui ci stiamo molto attenti”.

Troppo attento, pensa Hodges. “La volontà di prevenire l’escalation ha avuto la precedenza sulla voglia di vincere. Non voglio che la gente pensi: avremmo dovuto fare qualcosa quando abbiamo visto che c’erano scuole, ospedali e un teatro con persone nel seminterrato esploso. »

READ  Alleanza americano-europea in pericolo? Dai la colpa ai talebani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *