La polizia spagnola arresta l’ex postino dopo aver trovato 20.000 lettere

Il 62enne è andato al lavoro dal lunedì al venerdì. Prese la posta da consegnare all’ufficio postale centrale e se ne andò con le lettere. Quello che ha fatto allora con la posta è ora sotto inchiesta.

Secondo il quotidiano britannico, le buste non aperte erano Il guardiano scoperto durante una ristrutturazione della casa dove l’uomo visse a lungo. Il postino aveva venduto la sua casa a Biar, un villaggio vicino ad Alicante. I nuovi residenti volevano ristrutturare la casa.

Bidoni pieni di posta

La squadra di costruzione che ha poi eseguito i lavori ha trovato una stanza con cassonetti pieni di posta. Risultò essere pile di lettere, cambiali e documenti importanti non aperti.

“Non c’erano pacchi”, ha detto un portavoce della polizia al quotidiano spagnolo El País. “Sono registrati e possono essere facilmente ricondotti all’ufficio postale”.

Contratto non prorogato

L’ex residente è stato subito arrestato e interrogato in questura. Nel 2013 il contratto a tempo determinato dell’ex postino non è stato rinnovato per le troppe “irregolarità” nella zona dove doveva consegnare la posta. È accusato di “negligenza nella protezione dei documenti”.

E le lettere? Ora sono tornati all’ufficio postale. Rimangono lì fino alla fine delle indagini di polizia, dopodiché un giudice determina se la posta, inviata più di dieci anni fa, verrà ancora consegnata.

READ  Bambino di 3 anni abbandonato con il suo cane al cimitero la vigilia di Natale, volevano i genitori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.