L’autobomba di Mogadiscio ne uccide almeno 75 ORA

L’autobomba di Mogadiscio ne uccide almeno 75 ORA

Almeno 75 persone sono rimaste uccise sabato in un attacco che ha coinvolto diverse autobombe nella capitale somala Mogadiscio. Si ritiene che l’organizzazione terroristica Al Shabaab sia dietro l’attacco, riferiscono le autorità. Gli obiettivi erano il Ministero dell’Istruzione, un crocevia e una scuola.

“Alle 14, i terroristi di Al Shabaab hanno effettuato due attacchi dinamitardi contro civili, compresi bambini, donne e anziani”, ha detto un portavoce della polizia. L’agenzia di stampa statale SQUILLO afferma che le esplosioni hanno causato “numerose vittime civili, incluso il giornalista freelance Mohamed Isse Kona”.

La prima esplosione ha colpito il ministero e la seconda è stata quando sono arrivate le ambulanze e le persone si sono radunate per aiutare le vittime, ha detto all’agenzia di stampa un agente di polizia. Reuters.

Le esplosioni sono avvenute a pochi minuti l’una dall’altra, secondo un giornalista di Reuters chi c’era. Il sangue delle vittime dell’esplosione ha coperto l’asfalto appena fuori dall’edificio, ha detto il giornalista.

Al Shabaab compie attacchi terroristici in Somalia da 15 anni. Il gruppo aspira a un rigido stato islamico. L’attacco più mortale è stato commesso nel 2017. Quando più di 500 persone sono state uccise da un camion bomba.

READ  "Gladiatori" arrestati a Roma per ricatto ai turisti: 500 euro a foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *