Le donne afghane giudici, avvocati e pubblici ministeri temono per la loro vita

Le donne afghane giudici, avvocati e pubblici ministeri temono per la loro vita

Notizie ONS

  • Aletta Andre

    Corrispondente indiano

  • Aletta Andre

    Corrispondente indiano

Decine di giudici, avvocati e pubblici ministeri afgani sono ancora nascosti e temono per la loro vita. Con l’abolizione del vecchio sistema legale da parte dei talebani, hanno perso il lavoro e il reddito. E da quando i talebani hanno aperto tutte le prigioni durante l’acquisizione nell’agosto dello scorso anno, sono stati minacciati dagli uomini che hanno aiutato a incarcerare e che ora sono liberi.

I talebani hanno chiarito che non c’è posto per le donne nel nuovo sistema. In una conferenza stampa a settembre, la Corte suprema dei talebani Hezbollah Ibrhimi ha affermato di non aver visto la necessità di giudici, avvocati e pubblici ministeri donna. Secondo lui, non hanno una conoscenza sufficiente della Sharia.

Nasconditi o fuggi

Prima dell’acquisizione, in Afghanistan c’erano circa 500 avvocati e circa 300 giudici donne. Alcuni di loro potrebbero essere evacuati. Ad esempio, gli avvocati britannici hanno aiutato 100 giudici a venire nel Regno Unito e il Canada ha accettato di ammettere un gruppo di giudici con sede in Grecia.

Al Jazeera ha riferito la scorsa settimana che almeno 70 giudici donne in Afghanistan sono ancora in clandestinità. Non è noto a quanti avvocati e pubblici ministeri ciò si applica. Inoltre, alcuni di loro si trovano in paesi in cui non possono soggiornare, come l’Iran e gli Emirati Arabi Uniti. Un gruppo più numeroso di ex pubblici ministeri si trova nella città di Islamabad, nel vicino Pakistan.

“Sono qui da maggio e ho inviato e-mail a tutti i tipi di ambasciate straniere, ma non ho ricevuto alcuna risposta positiva”, ha detto un ex procuratore di 28 anni della provincia di Ghor, intervistato telefonicamente con NOS. “Ho anche riferito all’UNHCR a maggio e li chiamo quasi tutti i giorni, ma continuano a dirmi di aspettare”. La principale speranza per le donne ora risiede in 14Lawyers, un’organizzazione che sostiene per loro un visto presso il Ministero degli Affari Esteri spagnolo.

READ  Il marito di Linda ha un disturbo da stress post-traumatico, l'esperto avverte: "Non incolpare la vittima" | In buona salute

Alla fine di settembre, il cameraman Raúl Cadenas ha parlato con un gruppo di ex procuratrici che sono riuscite a fuggire a Islamabad e che sono ancora lì:

Giudici e pubblici ministeri afgani bloccati in Pakistan

Rimanere in Pakistan non è un’opzione, afferma l’ex procuratore di Ghor. Il suo visto per il Pakistan è scaduto e non può essere prorogato, gli è stato detto. Il Pakistan non offre ai rifugiati afgani alcuna prospettiva di status permanente.

Nessun diritto in Pakistan

Anche prima che i talebani prendessero il potere, c’erano già circa due milioni di afgani che vivevano in Pakistan. La maggior parte è nata in Pakistan, ma non ha mai ottenuto lo status di residente permanente. Gli afgani sono costantemente a rischio di espulsione.

“Non possiamo lavorare qui e mio figlio non può andare a scuola”, ha detto l’ex procuratore di Ghor, fuggito con il marito e il figlio di sei anni. “Poiché la gente del posto sa che come afgani non abbiamo diritti e non possiamo andare alla polizia, tutto è più costoso per noi. Dall’affitto che paghiamo al cibo”.

Inoltre, non si sente al sicuro in Pakistan, che confina con l’Afghanistan e ha un confine poroso, soprattutto nelle aree tribali. “Una volta ero a casa da solo e qualcuno ha cercato di entrare. Che fosse un ladro o qualcuno dall’Afghanistan dopo di me, non lo so, ma ho ancora paura”.

“Anche prima dell’acquisizione, ero regolarmente minacciata, ma volevo lavorare per la giustizia, soprattutto per le donne”.

ex procuratore in Afghanistan

La situazione è cambiata quando una delle sue cognate è stata arrestata durante una protesta e detenuta per dieci giorni. “E’ stata maltrattata e ferita. La vita diventava sempre più difficile. Poi siamo fuggiti in Pakistan. Ora non vuole tornare in Afghanistan. “Potremmo semplicemente sederci dentro e non fare nulla. Non avremmo più vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *