Le forze speciali occidentali sono in Ucraina?  “Ci sono cose strane in un documento trapelato”

Le forze speciali occidentali sono in Ucraina? “Ci sono cose strane in un documento trapelato”

Un operatore del Korps Commandtroepen, una delle due unità delle forze speciali dell’esercito olandese

Notizie ONS

  • Lennart Bloemhof

    redattore in linea

  • Lennart Bloemhof

    redattore in linea

Sembra la conferma di qualcosa che è stato ipotizzato per oltre un anno: un documento trapelato, forse dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, afferma nero su bianco che le forze speciali occidentali hanno una presenza fisica in Ucraina. Tra loro ci sarebbe anche un soldato olandese.

Nessuno sa se è vero. Potrebbe non esserci mai una risposta soddisfacente a questo, afferma l’ex comandante dell’esercito Mart de Kruif. “Perché tutti nel mondo delle SOF (forze per le operazioni speciali, ed.) è nebuloso come qualsiasi altra cosa”, dice, riferendosi all’alto grado di segretezza che circonda le cosiddette unità delle forze speciali.

De Kruif nutre seri dubbi sull’autenticità dei documenti trapelati, che a suo dire contengono cose “strane”. Il generale in congedo ha già visto il documento in questione venerdì, dopo le prime segnalazioni della fuga di notizie. “Quindi non pensavo che fosse molto probabile che fosse reale, a parte il fatto che fosse teoricamente possibile.”

estremamente sensibile

La possibile presenza di soldati occidentali in Ucraina è estremamente delicata. L’Occidente sottolinea che sosterrà l’Ucraina solo con le armi e dice che ne starà alla larga stivali da terra.

Tuttavia, dall’inizio della guerra sono state segnalate segnalazioni di presenza militare. Ad esempio, l’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti ha riferito un anno fa che a Ricerca il dispiegamento di esperti di sabotaggio dell’unità delle forze speciali britanniche SAS. Secondo quanto riferito, sono stati inviati nella città di Lviv, nell’Ucraina occidentale, per addestrare lì i loro colleghi ucraini.

READ  Ondata di caldo senza precedenti in Italia, ma appena percettibile nei Paesi Bassi | All'estero

Nel giugno dello scorso anno, il messaggio è seguito nel stampa britannica che i membri di un’altra unità d’élite britannica – la SBS – hanno svolto un ruolo simbolicamente significativo nella riconquista di Serpent Island; si dice che abbiano addestrato commando ucraini in Ucraina per raggiungere l’isola del Mar Nero senza essere scoperti utilizzando speciali attrezzature subacquee. Snake Island divenne famosa in tutto il mondo subito dopo l’invasione, quando i tredici soldati ucraini dell’isola si rifiutarono di arrendersi nonostante le forze russe superiori.

La difesa “conferma né smentita”

Ulteriore scrivere un giornalista del quotidiano francese Le Figaro lo scorso aprile ha fatto affidamento sull’intelligence francese secondo cui membri dell’unità della Delta Force statunitense e della SAS britannica erano stati in Ucraina dall’inizio dell’invasione.

Non è mai stato molto più concreto di tali messaggi, spesso basati su fonti anonime. Fino a quando non sono emersi documenti del Pentagono presumibilmente trapelati, dove ieri il BBC E Il guardiano scritto su.

Erano foto di documenti che sembravano aggiornamenti quotidiani sulla guerra. Secondo quanto riferito, i documenti sono stati redatti a febbraio e marzo. Include numeri. Ad esempio, ci sarebbero cinquanta soldati britannici in Ucraina. Seguono Lettonia, Francia e Stati Uniti rispettivamente con diciassette, quindici e quattordici soldati. I Paesi Bassi sarebbero in Ucraina con almeno un soldato d’élite. Non è chiaro dai documenti cosa stia facendo l’esercito in Ucraina.

Il ministero della Difesa britannico solo ieri ha twittato che c’era un “grave grado di inesattezza” nelle informazioni. L’anno scorso, il Regno Unito ha affermato che gli istruttori militari erano attivi in ​​Ucraina prima dell’invasione, ma che questi una settimana recuperato prima dell’invasione.

L’ex comandante dell’esercito De Kruif afferma che non è un segreto che soldati e comandanti ucraini siano stati istruiti e addestrati in e dall’Occidente. “C’è stato un programma per questo dal 2014”, dice. “Che ci sia un trasferimento di conoscenza, ha perfettamente senso. Ho solo enormi dubbi sull’autenticità dei documenti trapelati”, dice.

Durante la guerra in Afghanistan, De Kruif aveva 40.000 soldati della coalizione sotto il suo comando come comandante, il che significava che spesso collaborava con gli americani, tra gli altri. “Conosco a memoria quei briefing mattutini del Pentagono di quel periodo. Non ci metti quell’informazione. Inoltre, vedi molte informazioni tornare in quelle fughe che possono essere ottenute da fonti pubbliche. anche strano. Partecipano relativamente pochi americani, che normalmente sono in testa in casi come questo “.

De Kruif sottolinea che quattro giorni dopo le prime notizie sulla possibile fuga di notizie dal Pentagono, molto rimane poco chiaro, dall’autenticità dei documenti a chi c’è dietro.

Ad esempio, si è scoperto che i documenti erano stati modificati in aree come il numero di soldati uccisi. Altre parti, secondo gli esperti, sono autentiche al “99%”. De Kruif: “Potrebbe essere stato avviato da privati, potrebbe essere arrivato dai russi. Oppure Ucraina e Stati Uniti stanno diffondendo disinformazione in preparazione di una possibile offensiva. Non tutti lo sappiamo”. Secondo lui, diventerà chiaro solo dopo chi ne ha beneficiato di più e se le informazioni erano corrette.

READ  una fine impensabile, il video - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *