L’Ecuador ne perdona altre migliaia per combattere la sovrappopolazione

Le forze di sicurezza in una prigione a Guayaquil nel febbraio di quest'anno.  ImmagineAFP

Le forze di sicurezza in una prigione a Guayaquil nel febbraio di quest’anno.ImmagineAFP

Le 65 carceri dell’Ecuador possono ospitare 30.000 detenuti, ma in totale ne ospitano circa 39.000. Circa 15.000 dei detenuti non sono ancora stati condannati e sono in attesa di processo.

All’inizio di febbraio, sono scoppiate rivolte in una prigione della metropoli di Guayanquil dopo che decine di persone sono state uccise in scontri tra bande di droga rivali alla fine dello scorso anno. In totale, più di 320 detenuti sono stati uccisi negli scoppi di violenza nel paese in diverse carceri lo scorso anno. Tra l’altro, il governo è stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza in tutti i complessi carcerari del Paese.

In molte carceri il sistema di sicurezza è inadeguato e mancano le guardie, consentendo ai criminali di contrabbandare armi ed esplosivi su larga scala. Spesso, sanguinose lotte tra bande si trasformavano in rivolte carcerarie. Da allora, le prigioni ecuadoriane sono sotto il controllo della polizia e dei militari.

Nell’ottobre dello scorso anno, in risposta ai disordini, il governo ecuadoriano ha anche annunciato che migliaia di prigionieri sarebbero stati rilasciati. Riguarderebbe quindi principalmente gli anziani, le donne ei detenuti disabili o terminali.

READ  Putin non può fare altro che chiedere armi alla Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *