L’Iran ha impiccato una donna che era già morta di terrore. “Arresto cardiaco prima di salire sulla forca”

Impiccato quando il suo cuore si era già fermato per il terrore di aver visto sedici morti sulla forca davanti a lei. Secondo il suo avvocato, questo è il destino di una donna iraniana, Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito nel 2018, indicata come ufficiale dell’intelligence e accusata da lei e dai suoi figli di continue violenze contro i membri della sua famiglia. “Sedici uomini sono stati impiccati davanti a lei, davanti a lei. Zahra ha subito un arresto cardiaco ed è morto prima di salire sul patibolo. Nonostante questo, il suo corpo senza vita è stato impiccato ”, ha scritto il suo avvocato, Omid Moradi, in un post di Facebook, citato dalla BBC in persiano.

Iran, giustiziata condanna a morte del giornalista dissidente Ruhollah Zam

L’avvocato ha fornito, con dettagli spaventosi, anche un bilancio più pesante delle esecuzioni avvenute mercoledì nella prigione di Rajei-Shahr, nella città di Karaj, una trentina di chilometri a ovest di Teheran. In precedenza, infatti, l’organizzazione iraniana per i diritti umani, con sede a Oslo, aveva confermato l’esecuzione di sette persone, tra cui Zahra.

L’avvocato sostiene di aver visto il certificato di morte in cui si afferma che la donna è morta per arresto cardiaco prima che il nodo le fosse messo al collo. La storia della 42enne Zahra Esmaili ha suscitato proteste diffusa in Iran, poiché durante il processo i media hanno ampiamente coperto le accuse di violenza subita dalla donna e dai suoi due figli per mano di suo marito e suo padre.

Altre donne impiccate in Iran

Inoltre, non è la prima volta che donne sospettate di essere vittime di violenza domestica vengono impiccate per aver ucciso i loro mariti. È accaduto anche a due minori tre anni fa, come ha denunciato il relatore Onu sui diritti umani in Iran, Javaid Rehman, nel suo ultimo rapporto. Sono Mahboubeh Mofidi e Zeinab Sekaanvand, il primo sposato all’età di 13 anni e il secondo a 15. Entrambi si arresero alla forca dopo essere stati condannati per aver ucciso il marito all’età di 17 anni. Il relatore delle Nazioni Unite si dice “profondamente preoccupato per l’elevato numero di esecuzioni” in Iran, e “allarmato dalla notizia di esecuzioni segrete” di persone arrestate durante le proteste, con “condanne a morte pronunciate dopo processi iniqui e dopo” l’uso sistematico di tortura per ottenere confessioni forzate “. Secondo Rehnam, ci sono state almeno 233 impiccagioni in Iran nei primi 11 mesi del 2020, comprese quelle di tre persone che erano minorenni al momento del crimine di cui erano state accusate.

Ultimo aggiornamento: 20:26


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  La poliziotta che ha ucciso Daunte Wright è stata accusata di omicidio di secondo grado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *