L’Olanda guida la seconda tappa La Vuelta Femenina: Kool batte Vos allo sprint

Martedì 2 maggio 2023 alle 17:09

La seconda tappa de La Vuelta Femenina, con arrivo a Pilar de la Horadada, è stata vinta da Charlotte Kool. Chloé Dygert sembrava sulla via della vittoria per un attimo dopo un affondo in ritardo, ma l’americana è stata superata in extremis da Marianne Vos e Kool. Quest’ultimo ha finalmente avuto il miglior tempismo.

Dopo la cronometro a squadre di apertura, vinta dalle donne della Jumbo-Visma, le partecipanti de La Vuelta Femenina hanno potuto prepararsi per la seconda tappa. I corridori hanno corso oggi al Pilar de la Horadada. In una tappa pianeggiante di 105,8 chilometri, i velocisti hanno avuto una grande opportunità di lottare per la vittoria. Prima della partenza, quindi, la maggior parte degli occhi era puntata su Charlotte Kool, Marianne Vos ed Emma Norsgaard.

Quattro corridori formano il volo
Nelle fasi iniziali, però, altri quattro piloti sono riusciti a catturare l’attenzione. Coralie Demay (St Michel-Mavic-Auber93), Catalina Anais Soto (Bizkaia Durango), Iurani Blanco (Laboral Kutxa Fundación Euskadi) e Andrea Casagranda (Bepink) hanno unito le forze e sono riuscite a organizzare un primo volo anticipato. Tuttavia, l’avanzata di questi quattro profughi è rimasta molto limitata. Demay, Soto, Blanco e Casagranda hanno avuto poco più di un minuto, anche perché il gruppo è andato fortissimo.

Demay e Blanco all’attacco – foto: Cor Vos

Con il passare dei chilometri il nervosismo del gruppo è aumentato, anche perché il vento a volte era infido. Tuttavia, non c’erano fan, quindi abbiamo avuto una spinta tradizionale verso un – possibile – sprint di gruppo. A soli quaranta chilometri dal traguardo, il Demay e il Blanco sono stati raggiunti come ultimi superstiti della fuga, poco prima di entrare a Torremedo. In questo paesino il gruppo è stato sorpreso da un incidente, di cui Silvia Persico è la vittima più famosa.

READ  Controllo della forma Arabia Saudita | Red Bull molto forte sui circuiti cittadini, molti outsider hanno la loro chance

A Puerto de Sconto
L’italiano ha dovuto inseguire con una frattura lacerata, ma presto è tornato. Poi è andata alla velocità della luce fino allo sprint intermedio di San Miguel de Salinas, dove Femke Markus è riuscita a conquistare i sei secondi di bonus, davanti a Riejanne Markus (quattro secondi di bonus) e Chloé Dygert (due tempi). Poco dopo lo sprint intermedio è seguita la prima e ultima salita di giornata: il Puerto de Rebate (7,6 km all’1,2%).

Anna Henderson nella caratteristica maglia rossa da leader – foto: Cor Vos

C’è stata una lunga attesa per i fuochi d’artificio su questa salita, ma ce l’hanno fatta, grazie a Canyon//SRAM. Elisa Chabbey ha deciso di gettare la mazza nella stia, ma la svizzera non è riuscita ad andarsene. Anche un successivo attacco della compagna di squadra Katarzyna Niewiadoma è stato rapidamente contrastato. A causa delle accelerazioni della formazione tedesca, il plotone si assottigliò notevolmente, ma solo per poco tempo. Molti corridori che sono stati rilasciati hanno la possibilità di ricongiungersi poco prima della vetta.

Cavolo contro la volpe
Uno sprint di gruppo sembrava inevitabile e abbiamo ottenuto uno sprint al traguardo Pilar de la Horadada. L’SD Worx ha preso il comando a pochi chilometri dal traguardo, ma nell’ultimo chilometro è stato superato da diverse squadre in gara. Tuttavia, i velocisti sono stati completamente sorpresi da un ritiro in ritardo nientemeno che da Chloe Dygert. La velocista americana, che sta tornando alla grande alla Vuelta Femenina dopo un lungo periodo di inattività, si è subito fatta notare. Per un momento ha cercato la vittoria, ma Dygert è stata superata da Vos e Kool poco prima del traguardo.

READ  Sollevata, Suzanne Schulting può anche accontentarsi di "solo" un titolo mondiale | andare con lo skateboard

Quest’ultima ha sfruttato appieno l’aspirazione di Vos ed è rimontata negli ultimi metri, riuscendo così a conquistare la sua prima vittoria in un “grand tour”. Vos ha tagliato il traguardo per seconda, ma è riuscita a rubare la maglia rossa di leader alla sua compagna di squadra britannica Anna Henderson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *