L’Ucraina prende molto dall’Est: “Siamo stati molto ottimisti qui”

L’Ucraina prende molto dall’Est: “Siamo stati molto ottimisti qui”

Nel nord, la Russia è stata effettivamente respinta in molti luoghi, ma nel sud gran parte dell’area è stata occupata, afferma l’esperto di difesa Patrick Bolder del Center for Strategic Studies dell’Aia. “Se prendono Severodonetsk, si sposteranno verso Lyman, i russi sono già lì e poi hanno sigillato un’intera parte del Donbass. È quello che cercano i russi”.

Merci sfuse via porto

E così anche la Russia beneficia delle loro vittorie. Il porto di Mariupol è una di quelle vittorie che ripaga subito. “Carbone, minerale, petrolio, carbone. Queste merci sfuse sono molto spesso trasportate via nave. Quindi hanno un grande valore economico.”

La vita a Severodonetsk ora è terrificante. Tra le bombe si ragionano sui beni di prima necessità, come potete vedere nel video qui sotto:

La macchina da guerra russa non funzionerà immediatamente a velocità più elevate in porto. Più audace: “La fornitura, ad esempio, di cibo o carburante ora probabilmente è passata attraverso la Crimea, hanno avuto questa parte dal 2014”.

Kramatorsk

Quello che i russi stanno probabilmente facendo è saccheggiare le risorse ucraine e contrabbandarle attraverso questo porto. Ad esempio, nella fabbrica di Azovstal, il luogo in cui i combattenti ucraini hanno resistito a lungo, c’è ancora qualcosa da fare.

I russi stanno quindi guadagnando terreno, ma le cose stanno andando più lentamente di quanto sperassero. Leonid Paschnik, il capo della ribelle regione ucraina di Luhansk, ha detto all’agenzia di stampa statale russa TASS. E se la Russia vuole davvero avere tutto il Donbass, ha ancora molto da conquistare. “Ad esempio, Kramatorsk, è lì che si trova il quartier generale ucraino. Dipende da quante perdite subiscono i russi se ci vanno anche loro”.

READ  Natasa Pirc Musar, 54 anni, diventa la prima presidente donna della Slovenia

I russi respinsero a Kherson

Prima c’era anche il timore che la Russia entrasse a Odessa dal lato sud, chiudendo alla fine l’Ucraina dal mare, che potrà quindi essere rifornita solo via terra. “Avrebbe enormi conseguenze economiche”, afferma Bolder.

Questo non è il caso al momento. Infatti, nel sud vicino a Kherson, i russi sono nuovamente un po’ respinti. “Se l’Ucraina riesce a riconquistare questa città, potrebbe ostacolare le forniture russe dal sud al Donbass”, afferma Frans Osinga, professore di studi sulla guerra. “E anche solo esercitare molta pressione può aiutare. Quindi la Russia potrebbe dover inviare unità aggiuntive in quella direzione che altrimenti avrebbero potuto combattere nel Donbass”.

La vera e propria migrazione verso occidente è quindi in qualche modo scomparsa, come si evince anche dalle parole del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. Ha detto lo scorso fine settimana che “il Donbass ha la massima priorità”. Se anche altre parti dell’Ucraina volessero unirsi alla Russia, dovrebbero essere in grado di farlo.

Un’altra guerra tra 5 anni?

E anche il presidente Zelensky dell’Ucraina sta facendo piccole concessioni, vede Bolder. “Prima ha detto: tutti i russi devono lasciare l’Ucraina, ora vuole tornare alla situazione prima del 24 febbraio”. Poi iniziò la guerra con la Russia.

Quindi piccole concessioni, ma anche tanta motivazione per continuare a lottare. “Perché se Zelensky lascia la terra ora, c’è la possibilità che sia di nuovo in guerra tra 5-10 anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *