L’Ucraina sarà collegata alla rete elettrica europea

L’Ucraina sarà collegata alla rete elettrica europea

Le reti elettriche di Ucraina e Moldova sono ora collegate alla rete elettrica europea. Lo riporta l’organizzazione europea degli operatori di rete ENTSO-E. Grazie a ciò, l’Ucraina può ricevere elettricità dai paesi europei in caso di perturbazioni nella rete elettrica.

La rete elettrica ucraina risale all’epoca sovietica, quindi è tradizionalmente collegata a quella russa. Il paese voleva sbarazzarsene per diversi anni. Dal 2017 c’è anche un accordo per la connessione alla rete elettrica europea.

“Se hanno un’interruzione, ora possiamo aiutarli a mantenere stabile il sistema”, afferma Jan Vorrink, responsabile del centro di controllo nazionale di Tennet. “E ora hanno molte interruzioni. È difficile perché queste interruzioni della guerra non possono essere pianificate”.

Il processo di collegamento tra Ucraina e Moldova è in corso dal 2017. Secondo i piani, non sarebbe pronto fino al prossimo anno, ma la guerra ha accelerato gli operatori di rete europei. L’Ucraina ha presentato la richiesta urgente alla fine di febbraio.

Un’isola energetica

Per essere ammessi alla rete elettrica europea, Ucraina e Moldova hanno dovuto dimostrare di poter mantenere stabile la propria rete elettrica per diversi giorni. Lo fanno dal 24 febbraio, il giorno dell’invasione russa. Da allora, il paese è diventato una “isola dell’energia” con la Moldova.

La rete elettrica in Ucraina è ancora operativa, ma si teme che possano sorgere problemi se la guerra provocasse, ad esempio, ulteriori disagi nelle centrali elettriche. “Se perdiamo un’altra grande centrale elettrica, non saremo più in grado di assorbirla”, ha affermato Maxim Timchenko, CEO del produttore energetico ucraino DTEK. inizio marzo contro la NOS.

READ  La "passeggiata stupida" di Monty Python è ottima per la tua forma fisica, affermano i ricercatori | Scienza

Secondo Vorrink, questo rischio è minore con questo passaggio. “Se la più grande centrale elettrica si guasta, possiamo assorbirla”.

rischi per la sicurezza

Il processo di abbinamento va avanti da anni perché è tecnicamente complicato, le procedure devono essere coordinate e anche i rischi devono essere adeguatamente mappati. “Se c’è un disturbo molto grande lì, possiamo notarlo anche qui”, dice Vorrink. “Ma poi entrano in vigore scenari di emergenza che dovrebbero mantenere il problema il più locale possibile. È così che ora funziona anche tra altri paesi in Europa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *