L’UE vuole prendere tre piccioni con una fava con un piano di migrazione legale

L’anno scorso, l’UWV olandese ha rilasciato 10.000 permessi di lavoro a persone al di fuori dell’UE, su un totale di 400.000 posti vacanti. I posti vacanti che rimangono aperti, ad esempio nell’edilizia, ostacolano la ripresa economica o riducono la resilienza economica in tempo di guerra, ad esempio.

La cosiddetta “banca dati dei talenti” che la Commissione europea vuole chiudere con altri paesi dovrebbe collegare in modo molto specifico la domanda di un datore di lavoro nei Paesi Bassi, ad esempio, all’offerta di un potenziale dipendente extra UE.

Il commissario europeo Johansson (Affari interni) ha sottolineato che le quote non saranno discusse al momento della conclusione di questi partenariati. “Gli stati membri alla fine determinano sempre di quante persone hanno bisogno e quante ne consentono”, ha affermato Johansson.

Ridurre il rischio di sfruttamento

Il piano per l’occupazione fa riferimento anche a una migliore protezione dei lavoratori migranti. Secondo la Commissione, i lavoratori al di fuori dell’UE ora dipendono troppo dall’azienda che li inserisce. Alla scadenza del contratto, il lavoratore deve lasciare l’UE. Questo favorisce la dipendenza e quindi il rischio di sfruttamento.

La Commissione propone nel nuovo piano che, al termine del primo contratto, il lavoratore abbia tempo per cercare un nuovo lavoro. Può anche trovarsi in un altro paese dell’UE. Aumenta anche la durata del soggiorno.

“Spero di facilitare la discussione sulla migrazione”

Agevolando l’ammissione dei migranti necessari all’UE, la Commissione europea spera anche che il numero dei migranti illegali diminuisca.

Assomiglia un po’ al modello di immigrazione australiano, ma il commissario Ue Schinas, che ha il dossier sulla migrazione in portafoglio, non ne vuole sapere nulla: “Lavoriamo per dare forma alla politica migratoria europea dal 2020. C è un intervieni”.

READ  un caso nazionale terrificante - Libero Quotidiano

Nel 2020 l’UE ha presentato una proposta – il patto migratorio – per risolvere a livello europeo tutte le questioni relative all’arrivo e al soggiorno dei migranti nell’UE. Da allora, la discussione sulla distribuzione dei migranti tra gli Stati membri in particolare è stata bloccata.

Ormai concludendo accordi con i paesi di origine, la Commissione sta cercando di rallentare alla fonte la migrazione verso l’UE. L’abbassamento della soglia di migrazione legale va in questa direzione. Schinas ha riconosciuto oggi di poter facilitare la discussione sulla migrazione in modo più ampio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.