Madre afgana: “Ho venduto mio figlio a morire di fame”

Madre afgana: “Ho venduto mio figlio a morire di fame”

I matrimoni precoci hanno sempre avuto luogo in Afghanistan. Ufficialmente sono bandite, ma secondo l’UNICEF, una ragazza afgana su tre si sposerà prima del diciottesimo compleanno. L’agenzia delle Nazioni Unite ha segnalato 183 matrimoni precoci e dieci casi di tratta di bambini in sole due province nel 2018 e nel 2019.

Da quando i talebani hanno preso il potere nel Paese, la situazione è peggiorata. Ciò è in parte dovuto al fatto che le organizzazioni umanitarie si sono ritirate e le famiglie ora devono sopravvivere in condizioni di estrema povertà. Inoltre, le ragazze sotto il regime musulmano ortodosso non possono più andare a scuola, mentre l’istruzione ha effettivamente aiutato a combattere i matrimoni forzati.

“È vero che da quando i talebani sono saliti al potere, la situazione è peggiorata”, concorda l’anziano del villaggio del campo dove vive Amina. “Queste persone non ricevono più aiuti alimentari”. Inoltre, anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati notevolmente a causa della crisi della corona e della guerra in Ucraina.

L’Unicef ​​è molto preoccupato per il trend. Questi tipi di ragazze spesso non completano la loro istruzione, sono ad alto rischio di violenza domestica e hanno maggiori probabilità di avere complicazioni durante la gravidanza e il parto. “Un matrimonio precoce può significare una vita di sofferenza”, ha detto l’anno scorso il direttore dell’UNICEF Fore.

I talebani, chi sono comunque?

READ  Israele ha bombardato il porto della città siriana di Latakia, afferma la stampa siriana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *