Maradona, Questa: “L’hanno lasciato morire da solo, è crollato! Mi ha mandato un video: sembrava …”

L’amico e manager di Diego Armando Maradona, Stefano Cela, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante un’intervista al Corriere dello Sport.

Stefano This, manager Diego Armando Maradona, ha rilasciato un’intervista a Il Corriere dello Sport: “E ‘facile dire il dirigente, ma prima metta la parola amico. Chi lo ha sinceramente tenuto compagnia per vent’anni: ho preso fiducia il 20 ottobre 2000, e me ne sono andato sempre. i posti quando il sipario. Ma è inevitabile. Mia figlia è nata il 5 luglio, guarda un po ‘, e ovviamente si chiama Mara Dona, sono due nomi che pronunci e un incantesimo. Ho iniziato ad avere spaventato tanto tempo fa, quando la mia testa mi sorprese a fare una strana aggiunta: Diego è nato il 30/10/60. Sommando la somma si ottiene 100, lo stesso risultato di 20-20 e 60 anni, cioè è l’anno in cui viviamo e la sua età. “.

Stefano This ha poi aggiunto: Mi ha mandato un video, recentemente: sembrava una candela che stava per spegnersi, uccisa da un’esistenza attraversata a trecento ore. I suoi sessant’anni sono stati in realtà 120, ha fatto tutto liberamente, poi è crollato con uno schianto, come se fosse stanco di guardare cosa gli accadeva intorno. Lo hanno anche disintegrato psicologicamente con le faide che le sue numerose vite hanno provocato e che ora preannunciano la sfida dell’eredità. Abbiamo visto e sentito a Casa Rosada, in questi litigi tra chi doveva restare vicino alla bara e chi ne era tenuto lontano. Ora usciranno le diverse confessioni segrete, che ciascuna affiderà al proprio amico giornalista. È triste quello che sta succedendo e quello che aveva programmato: è morto in pace, nel suo letto, ma ora sta per scoppiare la guerra. Molti venivano semplicemente da Maradona, ignorando Diego. C’è sempre qualcuno a cui viene accreditato lo stipendio su base mensile, gratitudine per non sapere cosa. Era un benefattore e c’è chi, ignorando la sua natura e la sua generosità, insiste sulle sue debolezze. Tacciono. E porta rispetto. È innegabile che nei sessant’anni di Diego ci fosse sempre stato il caos. Nessuno vuole negarlo. E questo contribuì ad accelerare il suo declino, a caricarlo di ulteriore stress, di quella pressione che, in un corpo già sopraffatto e violato dalle debolezze, era poi decisamente fatale. È chiaro che ora si scansioneranno a vicenda per condividere un tesoro tra mogli, figli, nipoti ”.

READ  TANTE COSE DA MIGLIORARE, MA IL TEMPO MANCA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *