Massima allerta nella regione filorussa della Moldova

Il governo della Moldova esprime preoccupazione per il fatto che questo sia un pretesto e che la Russia voglia creare maggiore instabilità. Si teme che Mosca stia usando gli incidenti come legittimità per un’operazione militare contro il Paese dell’Europa orientale. Dall’invasione russa dell’Ucraina, i timori di uno scenario del genere hanno grande in Moldavia

conflitto latente

Nei media russi, i recenti eventi in Transnistria sono stati descritti come una provocazione da parte di un deputato. Leonid Kalashnikov è a capo della commissione per le relazioni con i paesi dell’ex Unione Sovietica, come la Moldova.

“Quello che sta accadendo in Transnistria è una provocazione volta a coinvolgere la Russia in un’operazione militare più ampia nella regione”, ha detto all’agenzia di stampa Interfax.

Un alto ufficiale russo ha recentemente dichiarato pubblicamente che la Russia dovrebbe controllare tutta l’Ucraina meridionale. Sarebbe anche un’occasione per entrare in contatto con la Transnistria, dove, dice, i diritti dei russi vengono violati.

Per inciso, il viceministro degli Esteri russo ha dichiarato espressamente che la Russia vuole una soluzione pacifica alla questione transnistriana. Da trent’anni va avanti un conflitto latente tra Moldova e Russia.

falce e martello

“È come venire in Unione Sovietica durante la Guerra Fredda”, afferma Jaap de Hoop Scheffer produttori di discorsi su NPO Radio 1. L’ex Segretario generale della NATO ha visitato la Transnistria. La bandiera del paese porta ancora la falce e martello comunista.

La Transnistria ha dichiarato unilateralmente l’indipendenza nel 1990 e ha giurato fedeltà a Mosca quando l’Unione Sovietica è crollata. Due anni dopo, nella regione di confine infuriava una guerra civile. Soldati moldavi hanno combattuto separatisti e mercenari russi. Un cessate il fuoco è stato firmato nel 1992, ma il conflitto non è mai terminato ufficialmente.

READ  Immune, Conte "obbligo morale di scaricarlo", l'ANSA aderisce alla Campagna - Politica

Da allora, circa 1.500-2.000 soldati russi sono stati di stanza in Transnistria. Il Cremlino ritiene che, in quanto forza di pace, le autorità moldave parlino di forza di occupazione. Solo pochi paesi riconoscono l’indipendenza della regione.

“Sulla lista della spesa di Putin”

La Moldova, a cui appartiene ancora ufficialmente la Transnistria, è uno dei paesi più poveri d’Europa. “È molto vulnerabile e finisce nella ‘lista della spesa’ di Putin quando parla dell’influenza in quello che chiama il suo vicino paese straniero”, afferma De Hoop Scheffer.

Il mese scorso, Nieuwsuur ha riferito delle crescenti preoccupazioni in Moldova:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.