Melory Blasi racconta la sua notte da incubo: impossibile togliere gli anelli e il dito era in pericolo…

Melory Blasi racconta la sua notte da incubo: impossibile togliere gli anelli e il dito era in pericolo…

La sorella minore di Ilary Blasi, Melory Blasi, ha raccontato di aver vissuto un’esperienza spaventosa di recente. A poche settimane dal parto, si è svegliata nel cuore della notte con un forte dolore a un dito e ha scoperto di non riuscire a togliersi gli anelli.

L’iniziale paura di Melory è stata che il dito stesse andando in cancrena, ma nonostante i vari metodi tentati per sfilare gli anelli, non ha ottenuto alcun successo. Disperata, ha deciso di recarsi al pronto soccorso, ma prima di farlo ha svegliato suo marito, Tiziano Panucci, per informarlo della situazione.

Per fortuna, suo marito ha avuto l’idea felice di provare a rimuovere l’anello infilandovi un ago con un filo sotto. Nonostante la rischiosa procedura, hanno raggiunto l’obiettivo e finalmente sono riusciti a togliere l’anello.

Melory ha rivelato che durante l’operazione avrebbe preferito prendere in considerazione l’idea di amputare il dito, piuttosto che affrontare il rischio di togliere l’anello in quel modo. Fortunatamente, la situazione si è risolta senza alcuna complicazione.

La giovane donna ha anche sottolineato che, contrariamente a quanto inizialmente pensato, non ha avuto reazioni allergiche agli anelli. È però evidente che gli anelli hanno accentuato il gonfiore delle dita, aggravando così la situazione.

L’esperienza vissuta da Melory Blasi è stata molto spaventosa e l’episodio ha messo in evidenza l’importanza di prestare attenzione agli accessori che indossiamo, considerando i possibili rischi che possono comportare. Fortunatamente, grazie all’intervento tempestivo di suo marito, tutto si è risolto per il meglio e Melory può ora tornare a godersi la sua maternità senza preoccupazioni.

READ  Matthew Perry negativo a fentanyl e metanfetamine. La ex fidanzata Molly Hurwitz: «Stare con lui era molto... - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *