Microsoft installa automaticamente l’app Quick Assist rinnovata su Windows – IT – News

Per le persone che non hanno potuto vivere questo fiasco totale, l’articolo non riflette la grande rabbia degli amministratori di sistema e il bizzarro svolgersi di questa storia.

L’app Quick Support è in circolazione da anni ed era lo strumento che consentiva agli amministratori di sistema di tutto il mondo di fornire supporto ai dipendenti (dopotutto era consigliato dalla stessa Microsoft).
Come affermato nell’articolo, questa app è stata improvvisamente e molto rapidamente “sostituita” e la vecchia app è stata bloccata. Così tanti amministratori di sistema sono sorpresi dal fatto che durante la notte non possono più monitorare i dipendenti (per il supporto).

La nuova applicazione richiede un framework che i normali dipendenti non possono installare (perché richiede diritti di amministratore). L’organizzazione non dispone di Intune (è richiesta una licenza aggiuntiva) per eseguire il push del framework sul computer del dipendente? Sfortuna. Dopodiché, l’app deve ancora essere aggiornata. È un’app di Microsoft Store, quindi spero che tu abbia familiarità con Powershell… e ovviamente hai anche bisogno dei diritti di amministratore per questo. La versione iniziale dell’app è stata installata anche insieme alla vecchia app (due app di supporto rapido nel menu di avvio), quindi anche la confusione dell’utente finale è stata enorme. Peggio ancora, Microsoft non ha risposto ai reclami o ha dato una visione che l’avrebbero risolto (incertezza).

Nel frattempo, Microsoft ha deciso di spingere il framework tramite Windows Update. E ora anche l’app attraverso la quale i dipendenti del supporto IT possono finalmente guardare (e fornire assistenza) con gli utenti finali.

Nel complesso, ciò ha causato un’enorme intaccatura nell’immagine di Microsoft tra gli amministratori e il personale di supporto nei luoghi di lavoro moderni. Vedi sempre Google che si lamenta qui quando estrae un’app, ma Google non ha mai fatto nulla di questa portata (come in, non esiste un percorso di transizione, scoprilo tu stesso).

READ  Champions: domani il pareggio, le ali. Juve prima, Inter, Lazio e Atalanta in 3 ᵃ. Tutti i pericoli | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *