Migranti, terzo soccorso per Open Arms, le persone a bordo ora sono 276

Terzo soccorso in 48 ore per Open Arms: la nave della Ong spagnola, dopo aver salvato una barca con 77 migranti a bordo durante la notte, ha recuperato altre 116 persone – di cui 2 donne – che erano su una barca alla deriva di 3 giorni, senza cibo né acqua. I migranti, trovati dai medici di emergenza a bordo della nave, erano in condizioni di grave disidratazione, confusione e grave debilitazione.

A denunciare l’imbarcazione ad Open Arms è stato il cargo Morning Crown che, secondo la Ong, “è rimasto a bordo barca per ore senza assistere i naufraghi seguendo le istruzioni date dalle autorità maltesi”. A bordo della Open Arms ci sono ora 276 migranti: oltre ai 116 soccorsi nel pomeriggio e ai 77 recuperati nella notte, ci sono altre 83 persone soccorse mercoledì scorso.

Ancora oggi, i 27 migranti di 38 giorni a bordo del cargo Etienne sono stati trasferiti alla Ong Mare Jonio. “La nostra equipe medica – ha spiegato la Ong Mediterranea – li ha trovati in gravi condizioni psicofisiche e ormai incompatibili con la permanenza sulla petroliera”. Mare Jonio afferma di aver chiesto alle autorità di Malta, ritenute “responsabili di questo evento SAR del 5 agosto”, di indicare “quanto prima un porto di sbarco sicuro per queste persone che necessitano urgentemente di cure”.



READ  Coronavirus, virologo Yan: "È un patogeno creato in laboratorio. Nessuno dice la verità: anche l'Oms sta lavorando con Pechino"
Mario Calabresi Sostieni il giornalismo Abbonati a Repubblica
-->

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *