Mike Pence afferma che la storia giudicherà il ruolo di Trump il “6 gennaio”

Mike Pence afferma che la storia giudicherà il ruolo di Trump il “6 gennaio”

Mike Pence, ex vicepresidente degli Stati Uniti.  Punto di accesso alle immagini

Mike Pence, ex vicepresidente degli Stati Uniti.Punto di accesso alle immagini

Rivolgendosi a un pubblico di giornalisti alla cena del Gridiron di sabato, Pence ha detto: “Trump si sbagliava e dicendo che avrei potuto bloccare il risultato elettorale, stava mettendo a rischio la mia famiglia”.

Lo stesso Pence era a Capitol Hill il 6 gennaio, dove, in qualità di vicepresidente, aveva il dovere cerimoniale di approvare i voti espressi dal pannello elettorale. Questi voti hanno convalidato l’elezione di Joe Biden e Kamala Harris come presidente e vicepresidente.

Il grande perdente delle elezioni è stato Donald Trump. Ha rifiutato di accettare questo e ha invitato i suoi sostenitori a venire a Washington. In un tweet, ha invitato i repubblicani a “combattere” i risultati delle elezioni, e in altri tweet ha sostenuto falsamente che si era verificata una frode elettorale.

All’epoca si scagliò anche contro il suo vicepresidente Pence perché non voleva bloccare il risultato. Ha alimentato uno stato d’animo anti-Pence tra i rivoltosi. Durante l’assalto è stata presa una corda e si è gridato che Pence si impiccasse. Pence quindi dovette essere portato di corsa in salvo.

Una vergogna

Incolpa ancora Trump per questo. Il presidente Trump ha sbagliato. Non avevo il diritto di invalidare i risultati elettorali. Quel giorno le sue parole sconsiderate hanno messo in pericolo la mia famiglia e tutti in Campidoglio. So che la storia riterrà Donald Trump responsabile.

“Quello che è successo quel giorno è stato un disonore. E viola tutte le regole della decenza se affermi che non è così. Finché vivrò non minimizzerò mai le ferite, la perdita di vite umane o l’eroismo delle forze dell’ordine in quel tragico giorno.

Dalla loro sconfitta elettorale, Pence si è ampiamente astenuto dal criticare quanto accaduto allora. Ha anche rifiutato di collaborare con un’indagine della Camera dei rappresentanti sugli eventi, sostenendo che era principalmente guidata dai democratici e quindi di parte.

Negli ultimi mesi ha parlato più spesso del “6 gennaio”, anche nelle interviste e nel suo libro di memorie di novembre, ma il suo tono non è mai stato più aspro di sabato.

Gli osservatori sospettano che il colpo sia legato al fatto che Pence voglia candidarsi alla presidenza nel 2024. Uno dei suoi maggiori oppositori alla candidatura repubblicana è Donald Trump. Il campo di Trump non ha ancora risposto alle critiche di Pence domenica.

READ  Cosa sappiamo dello stato di salute di Alexei Navalny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *