MotoGP | Dal Regno Unito: “Valentino, passa la moto a Morbidelli” – Moto

Valentino Rossi ha iniziato il Mondiale 2021 in salita e nonostante una moto ufficiale per il team Petronas, la sua Yamaha è ancora nella parte posteriore. Anche se di tanto in tanto si vedono piccoli lampi del vincitore Rossi quale era, il paradosso stagionale è la sua presenza in pista con una nuova moto, mentre il suo compagno di squadra Franco Morbidelli corre velocissimo con un veicolo aggiornato, ma sicuramente con meno potenzialità. Perciò c’è un’idea che va sotto il bancone e questo probabilmente non piacerà a chi ha sostenuto Valentino dai tempi di Pollo Osvaldo; oppure scambiare le due bici gestite dal team malese e dare la possibilità al più giovane Morbidelli di alzare la posta in gioco.

Non è certo il primo ad aver pensato a una simile opzione, ma il giornalista britannico Michael Scott, che scrive per la rivista MCN, ha spiegato molto bene la situazione. Vale la pena citare le sue parole visto che l’argomento riguarda la nazionale Rossi, un tesoro per la moto italiana che oggi fatica a ottenere risultati. È la pietra di paragone fondamentale di qualsiasi campo sportivo nel determinare chi rimane e chi va.

Il Mugello fa parte della storia della MotoGP e Rossi è stato a sua volta uno studente modello. Per più di 10 anni, tra la sua prima e l’ultima vittoria, le curve tortuose della pista sono state di sua proprietà. Ha vinto ininterrottamente dal 2002 al 2008, quattro volte dalla pole position. Questo, nel corso della storia, risale a una vita. Il Mugello intanto si fa duro per Rossi. E quest’anno ci arriva in piena riflessione. Il 2021 è stato finora un anno di riflessioni, ma puoi tornare al 2020 per trovare una fine della stagione piena di cali e di piazzamenti deludenti. Il trend continua: Rossi soffre di problemi in qualifica, salvo rare eccezioni, poi soffre in gara. Vederlo combattere senza costruzioni in mezzo a tante giovani rapide non è edificante. parlava spesso di quanto tempo avrebbe corso mentre era competitivo, ma ora sembra ignorare ciò che ha detto in passato. La sua permanenza in una squadra ufficiale o con le moto ufficiali condanna piloti come Franco Morbidelli a correre con moto meno competitive, e altri hanno la strada bloccata nel tentativo di avanzare in termini di carriera. È un’opinione impopolare, ma i sintomi rimangono: Fabio Quartararo lo ha eclissato rispetto al 2020, e Morbidelli lo batte ancora ogni weekend con una moto di due anni.“Ha scritto Scott.

READ  Nainggolan, non del Cagliari: c'è l'accordo con l'Anversa. Novità di mercato

In conclusione? “La VR46 Academy ha fatto miracoli con i suoi piloti, tra cui Morbidelli. Ora, tuttavia, quei grandi risultati sono messi in discussione dal suo tempo con la moto ufficiale.“. Perciò Nell’interesse del suo progetto sui giovani, Rossi dovrebbe vendere la sua moto a Morbidelli, forse riaffermando il suo status di leggendario al Mugello con un gesto disinteressato verso le giovani generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *