Navalnyj, prima foto dopo l’avvelenamento: “respiro da solo”

“Mi manchi!”. Con queste parole, accompagnato da una sua foto nel suo letto d’ospedale a Berlino, Alexei Navalnyj è tornato a rivolgersi ai suoi discepoli per la prima volta dopo ilavvelenamento il 20 agosto.

rappresentante

“Non riesco ancora a fare quasi nulla, ma ieri ho potuto respirare tutto il giorno”, ha scritto in un post su Instagram. “Di solito sono me stesso. Non ho usato nessun aiuto esterno, nemmeno la più semplice valvola nella mia gola. Mi è piaciuto molto. È un processo incredibile, sottovalutato da molti: Lo consiglio “, scrive Navalnyj, non senza ironia.

La Russia ha “molte domande” per la Germania su questo argomento, poiché i medici dell’ospedale di Omsk hanno effettuato una serie di esami approfonditi e Navalnyj ha lasciato la clinica senza mostrare segni di avvelenamento. Questo è ciò che ha detto il direttore dei servizi segreti esterni della Russia (SVR) Serghej Naryshkin. “È un dato di fatto che quando Alexei Navalnyj ha lasciato il territorio russo, non c’erano tossine nel suo corpo. Pertanto, abbiamo molte domande per la parte tedesca”, ha detto Naryshkin, citato di Interfax.

Anche il Cremlino è felice se Navalny torna in Russia. “Qualsiasi cittadino della Federazione Russa è libero di lasciare il Paese e tornare in Russia. Se le condizioni di salute del cittadino della Federazione Russa migliorano, allora, ovviamente, tutti saranno felici”, ha detto. il portavoce Dmitry Peskov, senza mai menzionare “l’avversario per nome”.



READ  "In America per cose del genere ti licenzia o ti licenzia" - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *