Netanyahu prima ma ha bisogno di Yamina

(Adnkronos)

Il Likud di Benjamin Netanyahu si conferma come la principale forza politica nelle elezioni anticipate di Israele, ma il blocco che sostiene il primo ministro raggiungerà la maggioranza alla Knessets solo con il sostegno del partito di estrema destra Yamina di Naftali Bennett. E ‘quanto emerge dagli exit poll diffusi da Canale 11, secondo i quali il Likud otterrebbe 31 seggi e il blocco pro-Netanyahu 54 seggi in totale. Per superare i 60 e avere la maggioranza alla Knesset servono i 7 seggi di Yamina, un partito vicino ai coloni che non ha assicurato di voler sostenere Netanyahu e, sotto alcuni scenari, potrebbe andare dall’altra parte.


Anche gli exit poll rilasciati da Channel 12 e Channel 13, sebbene con lievi differenze nell’assegnazione dei seggi al partito, concordano sul fatto che il blocco pro-Netanyahu potrebbe ottenere la maggioranza in parlamento solo con il sostegno di Yamina.

“Farò solo ciò che è buono per lo Stato di Israele”, ha detto Bennett senza rivelare se si unirà alla coalizione guidata da Netanyahu.

Nel frattempo, il leader israeliano ha dichiarato la vittoria alle elezioni. “Una grande vittoria per la destra e il Likud sotto la mia guida”, ha scritto Netanyahu su Twitter, aggiungendo che il suo partito è “di gran lunga” il più grande in Israele. “È evidente che una netta maggioranza dei cittadini israeliani è di destra e desidera un governo di destra forte e stabile che si prenderà cura dell’economia e della sicurezza di Israele”, ha aggiunto Netanyahu.

READ  Ue, è operativa la Procura europea contro i reati tributari. Si occuperà anche della gestione dei fondi di stimolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *