Perché ora i migranti vanno alle Canarie

Negli ultimi mesi si è intensificato un nuovo flusso di migranti dal Nord Africa alla Spagna, coinvolgendo le Isole Canarie (geograficamente molto più vicine al Marocco che al continente europeo). Quasi 20mila persone sono arrivate via mare, sette volte di più rispetto al 2019: un flusso del genere non è stato registrato dal cosiddetto “Crisi di CayucosNel 2006, quando più di 36.000 migranti hanno raggiunto le Isole Canarie su piccole imbarcazioni simili a canoe e pescherecci.

A seconda di cosaL’organizzazione internazionale della migrazione (IOM), l’agenzia che si occupa delle Nazioni Unite con i migranti, sulle rotte più frequentate dagli immigrati ci sono stati più controlli a causa della pandemia di coronavirus e per qualche tempo la metà delle persone che arrivano irregolarmente in Spagna da Marittima farlo attraverso le Canarie. La gestione dell’emergenza mette queste isole in difficoltà, che non sono attrezzati per questo tipo di situazione, mentre, a detta di molti, il governo spagnolo sta adottando una strategia inefficace.

L’arcipelago delle Canarie è costituito da sette isole e si trova nell’Oceano Atlantico, a poche centinaia di chilometri a ovest dell’Africa. E ‘parte della Spagna ed è meglio conosciuto per Lanzarote, Fuerteventura, Gran Canaria e Tenerife, mete turistiche molto popolari in tutte le stagioni. Anche se la strada che collega le diverse parti dell’Africa occidentale alle isole Canarie è un percorso ben noto, è stato molto meno viaggiato negli ultimi anni rispetto, ad esempio, quelli diretti verso altri porti in Spagna.

Nel 2018, 1.307 migranti sono sbarcati nelle varie Isole Canarie e nel 2019 2.557. Quest’anno sono state contate più di 19.000 persone, di cui circa 8.000 nel solo novembre: sette volte e mezzo quelle arrivate lo scorso anno.

– Leggi anche: Piccolo atlante delle rotte dei migranti in Europa

Paese Egli ha detto che nel 2019 in Spagna erano sbarcate irregolarmente 26mila persone, mentre quest’anno sono già arrivate quasi 36mila. Inoltre, come spiegato dall’OIM, quest’anno ci sono stati più di 500 morti sulla strada a causa di diversi naufragi, ad esempio quello di fine ottobre. fuori dal Senegal, in cui sono morte almeno 140 persone, e quella del 24 novembre a Lanzarote, dove si sono verificati 8 decessi: più del doppio dei decessi registrati nel 2019 (210), di cui circa 400 persone che erano su nove barche in partenza per le Isole Canarie sono scomparse e si ritiene siano morte. La maggior parte delle morti si sono verificate solo negli ultimi due mesi.

READ  Dispositivo antifurto di Ford che protegge i furgoni

Roberto Basterreche, capo del Centro di controllo e salvataggio marittimo di Las Palmas a Gran Canaria, Egli ha detto Al Nazione che i migranti arrivano principalmente da Marocco, Mauritania e Senegal, su imbarcazioni che trasportano in media 20 persone. La maggior parte delle barche proviene dal porto di Dakhla, in Sahara occidentale, una vasta regione contesa sia dal Marocco che dal Fronte Polisario, un’organizzazione militare e politica che rappresenta il popolo saharawi locale.

Come spiega Arcadio Díaz, un giudice che sovrintende a centro di identificazione ed espulsione Gran Canaria – in genere la maggior parte delle barche che trasportano migranti dai paesi dell’Africa occidentale partono dai porti nel nord del Marocco, dove le autorità locali sono molto attente all’immigrazione illegale, sotto la pressione della Spagna ; tuttavia, a causa dell’aumento dei controlli alle frontiere e ai porti a Gibilterra e nel sud della Spagna, i migranti ora partono da altre regioni dove le ispezioni sono meno numerose, come la costa atlantica del Marocco e il Sahara occidentale.

– Leggi anche: La crisi dei migranti tra Turchia e Grecia, ben spiegata

È la stessa cosa che ha detto al Nazione Mustafa Essaouira, uno degli immigrati che sono arrivati ​​a Lanzarote con la barca affondata la sera del 24 novembre: le porte a nord del Marocco, come Tangeri (che è vicino a Gibilterra) o Nador (che è più vicino a Gibilterra) est, un centinaio di chilometri dal confine con l’Algeria) sono “difficili”. Come Essaouira, diversi migranti provenienti dal Marocco o desiderio Senegal per arrivare in Europa per migliorare le loro condizioni di vita. Molti altri, invece, stanno cercando di fuggire paesi in cui, negli ultimi mesi, ci sono stati grandi tensioni politiche e le proteste violente, come ad esempio in Costa d’Avorio e Guinea, o colpi di stato, come in Mali. Di Più, secondoEconomista, uno dei motivi che hanno spinto più persone a lasciare in questo periodo è che alcuni credono che sia più facile trovare lavoro a causa dei molti decessi per la pandemia coronavirus in Europa.

Uno dei maggiori problemi che le Isole Canarie devono affrontare in questo momento è quello di accogliere i migranti sulle diverse isole, che non sono preparati a gestire una simile emergenza.

Una volta sbarcate, le persone vengono identificate, visitate e presentate Test PCR, È il tampone per rilevare la presenza del coronavirus. Dal momento che i centri di identificazione sono pochi, campi temporanei sono stati creati nei porti, spazi militari o scuole chiuse, dove i migranti sono spesso affollati e in situazioni precarie.

READ  Vaccini: Mosca registra Sputnik Light, versione monodose - Ultima Ora

Nelle ultime settimane, ad esempio, si è parlato molto di Arguineguín, nel comune di Mogán, a sud di Gran Canaria, chiuso pochi giorni fa per le condizioni che il sindaco della città Onalia Bueno ha definito “disumanoPer dare l’idea, il campo è stato installato quattro mesi fa sulla banchina del porto di Arguineguín per accogliere 500 persone, ma nel mese di novembre, quando il flussi migratori verso le Canarie intensificato molto, era è venuto a ospitare anche più di 2.500.

Un altro problema importante è che queste aree non ricadono sotto il Ministero dell’Interno, ma il Ministero dell’Integrazione, della Previdenza Sociale e della Migrazione, che ha spiegato che non hanno il potere o la giurisdizione per trattenere i migranti. Per questo, e per evitare un sovraffollamento che aumenterebbe il rischio di infezioni da coronavirus, la sentenza del giudice che ha valutato il caso Arguineguín ha stabilito che i migranti possono essere conservati dalle autorità locali per un massimo di 72 ore (e non 60 giorni, come dice la legge spagnola sui campi gestiti dal Ministero dell’Interno): dopo 72 ore, se lo desiderano, possono muoversi liberamente.

il Riservato Egli ha detto che a causa di questa convinzione, molti migranti sono stati in grado di acquistare un biglietto per raggiungere la Spagna continentale in aereo oa bordo di un traghetto che li avrebbe portati a Cadice, nel sud del paese: che era anche possibile perché questi negli ultimi mesi, la maggior parte dei migranti sono arrivati ​​nelle Isole Canarie con un passaporto, mentre in genere viaggiato senza documenti per rendere la loro identificazione e di conseguenza il loro rimpatrio più difficile. Avere un passaporto permette anche a chi non ha portato soldi con loro per andare a varie agenzie che il trasferimento di gestire il denaro – come MoneyGram e Western Union – e ricevere denaro inviato dai membri del. le loro famiglie: il denaro che i migranti hanno bisogno nella maggior parte dei casi, per cercare di raggiungere altri paesi europei.

Fino ad oggi circa 6mila dei migranti in arrivo alle Canarie si trova in alcuni hotel affittati dal governo, mentre più di 3.000 sono distribuiti nei centri di accoglienza e nei campi delle varie isole. Poi ci sono circa 2.000 minori non accompagnati. Circa 2.000 migranti sono stati trasferiti in altre città spagnole – come Siviglia, Malaga e Alicante – mentre solo 300 sono stati rimpatriati. Secondo Riservato, alcuni dei migranti arrivati ​​quest’anno alle Canarie si trovano ora a Irun, cittadina dei Paesi Baschi che confina con la Francia e che hanno raggiunto con un volo per Bilbao; a Irun, invece, erano bloccati al confine.

READ  "Consegnato per una futura sepoltura"

– Leggi anche: Violenta espulsione da un campo di migranti a Parigi

Due settimane fa, il ministro dell’Integrazione, della Sicurezza Sociale e della Migrazione, José Luis Escrivá, ha presentato una cartina aumentare i posti riservati all’accoglienza dei migranti alle Canarie. Il governo spagnolo si è inoltre impegnato a raddoppiare il numero di imbarcazioni ed elicotteri che pattugliano le coste dell’Africa occidentale e ad aumentare la frequenza dei voli di rimpatrio, bloccati negli ultimi mesi a causa della pandemia.

Alcuni rimpatri in Mauritania sono già stati effettuati: gli accordi firmati da questo Paese con la Spagna prevedono infatti la possibilità di rimpatriare in Mauritania anche persone di diversa nazionalità che vi sono “probabilmente” parti. Recentemente sono stati visitati anche funzionari spagnoli Marocco e Senegal sia per riattivare e rafforzare gli accordi relativi al rimpatrio dei migranti in arrivo irregolare, sia per cercare di contenere le partenze dai paesi dell’Africa occidentale.

Secondo molti, però, i piani del governo non saranno particolarmente efficaci. Il confidenziale ha spiegato che il strategia del governo è quello di trattenere i migranti alle Canarie il più a lungo possibile e impedire loro di arrivare sulla terraferma. Alcuni critici temono che le Isole Canarie diventeranno “nuova Lampedusa“o un”nuovo Lesbo», Alludendo ai significativi flussi di migranti che le isole italiane e greche hanno dovuto gestire negli ultimi anni. Infine, diverse associazioni di rifugiati hanno notato che la crisi legata alla migrazione dall’Africa occidentale è peggiorata anche per la difficoltà di utilizzare mezzi legali per chiedere asilo, in Spagna come in Italia. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *