“Perso la voce, recuperare il sonno per ore e vomitare: Puk camp è stata una grande festa”

“Perso la voce, recuperare il sonno per ore e vomitare: Puk camp è stata una grande festa”

“Perso la voce, recuperare il sonno per ore e vomitare: Puk camp è stata una grande festa”

Era il suo primo accampamento. Insieme ai suoi compagni di classe, ha soggiornato per tre giorni in una casa confortevole. Puk (11) non vedeva davvero l’ora, ma trovava anche eccitante sapere con chi sarebbe entrata nella stanza, se avrebbe avuto nostalgia di casa e se si potevano portare dei peluche.

L’abbiamo portata a scuola, abbiamo spuntato un elenco di cose necessarie in una valigia con ruote, il sacco a pelo sciolto. Nel cortile della scuola, i genitori hanno fotografato diverse combinazioni di bambini. L’insegnante ha risolto rapidamente il problema della compagna di classe con il mal d’auto che aveva dimenticato le pillole. “Andrà tutto bene”, ha salutato i suoi genitori, “la metteremo davanti e ho ancora un sacchetto di plastica da qualche parte nel caso qualcosa vada storto”.

Il programma è stato ampiamente spiegato, tracciato e discusso. I bambini sapevano con chi sedersi in macchina, con chi dormivano in corridoio e cosa avrebbero mangiato. Puk si è unito ai suoi compagni di classe, abbiamo chiacchierato con altri genitori. Ci siamo completamente persi il momento ufficiale dell’addio.

Zombie

Ogni sera, intorno alle 21:30, Puk effettuava una videochiamata tramite WhatsApp. Ho visto un dormitorio pieno di valigie e borse sventrate e una ragazza che si era trasformata in uno zombie. Ho avuto alcune brevi informazioni su quello che aveva passato. “Mercato per ore, fango, scivolo, ingorgo”. Piccoli frammenti della giornata, tra ragazze urlanti nel dormitorio.

È tornata tre giorni dopo. Zoppicava, la sua voce era scomparsa. Le sue borse non erano blu, ma nero corvino. È crollata, ha dormito, si è sdraiata sul divano, non aveva fame e ha vomitato in tutto il bagno prima di andare a letto. “Anche Lisa e Dex non si sentivano bene,” spiegò, “forse gli hamburger non erano buoni.”

READ  "E' il giorno del silenzio"

Puk aveva mangiato hamburger, patatine fritte e pancake. In combinazione con i chili di caramelle che avevano condiviso e le 6 ore di sonno per notte, era stato un po’ troppo. “Domani mangeremo estremamente sano”, ho avvertito mio marito prima di andare a letto.

Ho iniziato con zucchine, melanzane e pomodori. Abbiamo provato a spingere Puk a letto nel pomeriggio e l’abbiamo confortata ad ogni pianto. Il fratellino Olle (8) le ha dato un abbraccio extra, gli era mancata, ha detto. “Se continui a resistere così lunedì, salta un giorno”, dissi, infastidito dal fatto che mia figlia fosse stata completamente abbattuta a un ritmo così vertiginoso, e allo stesso tempo felice che si fosse divertita così tanto.

Adolescente a casa

Tenerla a casa si è rivelato inutile. Dopo un fine settimana di oziare letargicamente sul divano, aveva di nuovo colore sulle guance e poteva camminare e parlare di nuovo normalmente. Perdere la voce, dormire per ore e vomitare: era la prova che era stata davvero una grande festa. Per noi è stata subito una buona idea di cosa aspettarsi con un adolescente in casa.

Promette di essere pazzo.

Non perdere una puntata di ‘home’? Poi clicca sul tag ‘Chez nous’ poi su segui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *