Piquet non è più il benvenuto nonostante le scuse a Hamilton | Auto sportiva

Il tre volte campione del mondo Piquet (69) ha definito Hamilton un “neguinho” in un’intervista già pubblicata a novembre. La parola è usata più spesso in Brasile, ma la dichiarazione ha suscitato molto scalpore questa settimana. La dirigenza della Formula 1, la FIA, la Mercedes e gli stessi Hamilton, tra gli altri, hanno condannato le dichiarazioni “razziste” di Piquet, la cui figlia Kelly ha una relazione con Max Verstappen.

Nonostante le scuse e le spiegazioni dell’ex pilota brasiliano, più fonti confermano che è stato bandito dal paddock di Formula 1 con effetto immediato. La sua storia del mercoledì non cambia le cose.

Scusa Picchetto

“Quello che ho detto è stato sconsiderato e non lo sto difendendo, ma voglio chiarire che il termine usato nel portoghese brasiliano è stato ampiamente e storicamente usato in termini colloquiali come sinonimo di ‘ragazzo’ o ‘nessuno’. Non userei mai la parola di cui sono accusato in alcune traduzioni”, ha detto Piquet in una nota.

“Condanno fermamente qualsiasi suggerimento che la parola sia stata usata da me con l’intenzione di sminuire un guidatore a causa del colore della sua pelle. Mi scuso sinceramente con tutte le persone coinvolte, compreso Lewis. È un pilota incredibile. La traduzione di alcuni media ora circola su i social media non sono corretti. La discriminazione non ha posto in Formula 1 o nella società e sono felice di chiarire il mio pensiero al riguardo”.

READ  Cavani, Uruguayan Language Academy vs. English FA: "Ignorant!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.