Promes nega di voler richiedere un passaporto russo per evitare l’estradizione |  Calcio

Promes nega di voler richiedere un passaporto russo per evitare l’estradizione | Calcio

Quincy Promes nega di voler richiedere un passaporto russo per evitare l’estradizione nei Paesi Bassi. Il mese scorso, vari media hanno riferito che il calciatore sospettato di tentato omicidio voleva fare domanda per diventare cittadino russo.

“Ci sono persone intorno a lui che hanno esplorato l’idea di un passaporto russo, ma non su iniziativa di Promes”, ha detto domenica al giornale il suo avvocato Robert Malewicz. ANNO DOMINI. “Si tratta di rendere più facile per lui andare nei campi di addestramento fuori dalla Russia con un passaporto russo. Ora tutto questo deve essere fatto con un visto”.

Un mese fa, vari media russi hanno riferito che Promes voleva richiedere un passaporto russo. Questo potrebbe aiutare l’attaccante a rimanere fuori dalle mani della magistratura olandese. Il suo club, lo Spartak Mosca, avrebbe preso l’iniziativa per fargli ottenere la nazionalità russa.

“Comunque, Promes non vuole un passaporto russo se perde quello olandese”, dice Malewicz. “Quindi non ha nulla a che fare con il fatto che pensa di non aver bisogno di essere estradato. Comunque non è così, perché Russia e Paesi Bassi non lavorano più insieme sulle richieste di estradizione”.

Nei Paesi Bassi è in corso un processo penale contro Promes, 31 anni. Durante una festa di famiglia nel luglio 2020 ad Abcoude, avrebbe pugnalato al ginocchio uno dei suoi cugini con un coltello. Promes gioca per lo Spartak Mosca dall’inizio dello scorso anno dopo aver lasciato l’Ajax ed è stato nominato giocatore russo dell’anno il mese scorso.

La causa contro Promes verrebbe sostanzialmente trattata per la prima volta nel mese di ottobre. Poiché l’avvocato di Promes voleva ascoltare altri testimoni, il procedimento penale è stato rinviato. La prima udienza di merito è ora fissata per il 3 marzo.

READ  Hamelin Prog: Le formazioni ufficiali di Inter e Napoli: la scelta su Arnautovic, Frattesi, Natan e Lindstrom

All’inizio di questa settimana, anche Promes è stato collegato al traffico di droga. Secondo l’ufficio del pubblico ministero, ha pagato al narcotrafficante Piet W. una “multa” di 250.000 euro per una partita rubata di 400 chilogrammi di cocaina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *