Qualcosa di strano sta accadendo con le temperature su Giove, secondo 40 anni di ricerca

Qualcosa di strano sta accadendo con le temperature su Giove, secondo 40 anni di ricerca

Lo studio rivela un legame misterioso tra variazioni di temperatura apparentemente collegate in regioni distanti migliaia di chilometri. Qualcuno ha qualche idea?

Per non meno di quattro decenni, i ricercatori hanno studiato le temperature nello strato superiore dell’atmosfera di Giove, la cosiddetta troposfera. Questo è lo strato d’aria in cui si svolge il “tempo” e dove compaiono le caratteristiche bande nuvolose a strisce colorate. Dopo 40 anni, il team fa una curiosa scoperta. Ad esempio, hanno trovato modelli molto inaspettati nel modo in cui le temperature di queste bande nuvolose cambiano nel tempo.

Troposfera
La troposfera di Giove ha molto in comune con quella della Terra. Nuvole e temporali si formano anche nella troposfera di Giove. Per comprendere il clima locale del gigante gassoso, gli scienziati studiano alcune proprietà, come il vento, la pressione, l’umidità e, naturalmente, la temperatura. Sappiamo un po’ di più sulle missioni precedenti, inclusa la navicella spaziale senza equipaggio Pioneer 10 e 11 che visitò Giove negli anni 70. Ad esempio, è noto che le temperature più basse possono generalmente essere associate ad aree più luminose e più bianche, mentre quelle più scure, rosso-brunastre le bande sono più calde.

Queste immagini a infrarossi di Giove sono state ottenute nel 2016 utilizzando il Very Large Telescope dell’ESA. I colori rappresentano le temperature e le nuvole: le aree di colore blu sono fredde e nuvolose, mentre le aree di colore arancione sono più calde e senza nuvole. Immagine: ESO/LN Fletcher

Fino ad ora, tuttavia, non era ancora chiaro in che modo le temperature nella troposfera di Giove variano a lungo termine. Ma 40 anni di nuove ricerche rivoluzionarie ora ampliano notevolmente le nostre conoscenze al riguardo. Nello studio pubblicato in astronomia naturale, il team ha osservato il brillante bagliore infrarosso proveniente dalle regioni più calde dell’atmosfera, quindi ha misurato la temperatura sopra la colorata copertura nuvolosa di Giove. I ricercatori hanno raccolto questi dati a intervalli regolari, ciascuno per 12 anni terrestri.

READ  Apple smette di supportare i nuovi piani SIM Apple su iPad - IT Pro - Novità

giri
Una delle principali conclusioni di questo studio è che le temperature su Giove sembrano salire e scendere periodicamente. È come un ciclo, anche se non può essere collegato alle stagioni o ad altri cicli noti agli scienziati. A differenza della Terra, dove si verificano stagioni distinte a causa della sua inclinazione di 23,5 gradi, Giove non ha stagioni, poiché il suo asse è inclinato solo di circa 3 gradi. Per questo motivo, i ricercatori non si aspettavano che le temperature su Giove variassero regolarmente.

Variazioni di temperatura
Ma ancora più sorprendente è la scoperta di una misteriosa relazione di temperatura tra regioni distanti migliaia di chilometri. “È il più strano di tutti”, afferma il ricercatore Glenn Orton. “Abbiamo trovato una correlazione tra il modo in cui le temperature variano a latitudini molto distanti”. Mentre le temperature sono aumentate a latitudini specifiche nell’emisfero settentrionale, le temperature sono diminuite alle stesse latitudini nell’emisfero meridionale. “È simile a un fenomeno terrestre”, continua Orton. “Il tempo e i modelli climatici in una regione possono anche avere un notevole impatto sulla Terra sul tempo altrove”.

Causa
La prossima sfida è scoprire cosa causa esattamente i cambiamenti ciclici e apparentemente sincronizzati scoperti su Giove. Al momento, i ricercatori sono ancora all’oscuro, anche se hanno pochi sospetti. Ad esempio, hanno scoperto che la temperatura più in alto nella stratosfera periodicamente sale e scende secondo uno schema esattamente opposto a quello della troposfera. Ciò suggerisce che i cambiamenti nella stratosfera portano a cambiamenti nella troposfera e viceversa. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno questo. “Ora abbiamo risolto parte del puzzle, ovvero che l’atmosfera ha cicli naturali”, ha affermato il ricercatore Leigh Fletcher. “Per capire cosa guida questi schemi e perché si verificano su scale temporali specifiche, dobbiamo guardare sia sopra che sotto gli strati delle nuvole”.

READ  James Webb cattura un raro momento prima della morte di Star Science

Lo studio è un passo importante verso una migliore comprensione di ciò che determina il clima sul pianeta più grande del nostro sistema solare. Alla fine, i ricercatori sperano persino di poter prevedere il tempo locale su Giove. “La misurazione dei cambiamenti e dei cicli di temperatura a lungo termine è fondamentale per questo”, afferma Fletcher. “Ora speriamo di scoprire causa ed effetto nell’atmosfera di Giove. Potremmo essere in grado di applicare ciò che apprendiamo in seguito su Giove ad altri pianeti giganti per vedere se compaiono modelli simili lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *