quali sintomi e differenze con il ceppo originale?

Il nuova variante del coronavirus avvistato nel Regno Unito e trovato anche in altri paesi europei, che ha portato alla sospensione dei voli dalla Gran Bretagna, è uno Mutazione del virus Sars-Cov-2 denominato VUI-202012/01 dalla sanità pubblica inglese. Secondo gli esperti, la nuova variante potrebbe essere più contagioso, ma le sue caratteristiche sono ancora allo studio.

Cosa sappiamo del cosiddetto Variante inglese del Covid-19? È più letale o più grave della varietà originale? Quali sono le sintomi e il differenze tra i due? Ecco tutte le informazioni utili.

Covid, i sintomi della nuova variante inglese

Attualmente, gli studi suggeriscono che la nuova variante di Covid scoperta in Inghilterra causa stessi sintomi del ceppo originale. Coloro che contraggono il virus possono quindi avere febbre, tosse secca e affaticamento o anche dolore muscolare, mal di gola, mal di testa, congiuntivite, diarrea, perdita del gusto e dell’olfatto, eruzione cutanea o scolorimento delle dita delle mani e dei piedi.

In entrambi i casi i sintomi sono gravi difficoltà respiratorie e respiro sibilante, dolore o pressione al torace e perdita di parola o movimento.

Dai sintomi e dal tampone non è possibile riconoscere se si tratta del Covid “originale” o della nuova variante inglese. Come spiega in un’intervista a Finito Federico Giorgi, genetista presso l’Università di Bologna e coautore di uno studio sulla mutazione Sars-Cov-2, “Il test molecolare si basa sul riconoscimento dell’RNA del virus. Quindi una singola mutazione può modificare il risultato del test. Ecco perché è necessario aggiornarli costantemente in base alle mutazioni individuate “.

Un aggiornamento fatto da tutte le nazioni, compresa l’Italia. Il problema però, spiega Giorgi, “Se aggiorniamo i test con le sequenze rilevate in altre parti del mondo, ma non sappiamo quali sono prevalenti in Italia, non rileviamo più nulla. Non sorprende che la mutazione sia stata rilevata nel Regno Unito, che ha sequenziato di più.

READ  Il vaccino russo Sputnik anche in Italia? Cosa pensano gli esperti

Differenze tra la variante inglese e il ceppo originale

Ciò che ha sollevato l’allarme in tutta Europa è che sembra che la variante britannica del coronavirus sia più contagioso (probabilmente fino al 70% in più di trasmissibilità rispetto alla vecchia variante, dice il rapporto inglese): contiene attualmente 14 mutazioni genomiche e 3 delezioni. Non aveva mai visto un tronco con così tante varianti: si ritiene che il tronco scoperto nel visone che aveva allarmato a novembre ne avesse 4.

Ciò che spaventa questo ceppo inglese è che è in grado di legarsi meglio al recettore Ace2, il gateway per le nostre cellule e può quindi diffondersi più facilmente.

Sebbene la nuova variante inglese del coronavirus si diffonda più velocemente e quindi possa essere più difficile da controllare, al momento non ci sono prove che lo sia più fatale o causare sintomi più gravi del ceppo originale di coronavirus.

Cause di nuove varianti di Covid

Gli esperti dicono che è normale che un virus muti e l’hanno già trasmesso varie mutazioni di Covid-19 che sono entrati nelle comunità senza avere conseguenze diverse da quelle che conosciamo.

Per quanto riguarda il ceppo inglese, un’ipotesi è che le sue mutazioni si siano accumulate in un paziente che aveva Covid-19 per almeno due mesi e che il trattamento a base di plasma o remdevisir per promuovere la guarigione possa aver selezionato un virus in grado per sfuggire alla terapia.

Cosa cambia per i vaccini

La domanda cruciale ora è se io vaccini sviluppato finora contro il coronavirus funzionerà anche contro la nuova variante. Ricordiamo che nel Regno Unito le vaccinazioni sono iniziate due settimane fa e in Europa iniziano ufficialmente il 27 dicembre.

READ  Trump sul video dell'ospedale Sto meglio - L'ultima ora

Il chief medical officer del governo inglese, prof. Chris Whitty ha detto che non ci sono prove attuali che suggeriscano che il nuovo ceppo causi un tasso di morte più alto o influisca su vaccini e trattamenti già approvati. Il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha chiarito che, sulla base degli studi clinici effettuati finora, è altamente improbabile che questa mutazione non risponda al vaccino Covid.

Tuttavia, gli scienziati stanno lavorando per confermare questa tesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *