Racconto, di un possibile addio all’Inter alla voglia di scudetto. Lui si chiedeva …

A Skysport si è parlato di Conte 2020 che sembrava vicino a lasciare i colori nerazzurri e ora ha alzato le aspettative. L’allenatore, con le uscite effettuate nella finale della scorsa stagione, sembrava convinto di voler lasciare il Milan. Poi c’è stata la riunione di chiarimento del Villa Bellini: il patto tra lui e i nerazzurri e l’inizio di una nuova stagione. “Calmo, anche troppo calmo, si disse a un certo punto. Lo ha sentito e quando ha girato il contrario dopo la più grande delusione, l’eliminazione della Champions League, a un certo punto si è chiesto: come mi vuoi? “, Ha sottolineato Silvia Vallini a Skysport.

Getty Images

Il tecnico nerazzurro ha cercato il giusto equilibrio dentro e fuori dal campo in un 2020 in cui l’Inter ha segnato 108 gol, record storico a pari merito. Rispetto al campionato precedente, 13 punti in più sono stati raccolti dalla sua squadra e lo scorso anno la sua Inter è arrivata seconda in campionato e ha partecipato a una finale europea dopo 10 anni.

Ha saputo rafforzare le certezze per il futuro del calcio italiano come Barella e Bastoni. Riuscì a ridare fiducia a Gagliardini ea valorizzare Darmian. È arrivato Vidal, il suo uomo di fiducia come Lukaku. La base della sua squadra sta crescendo. L’azienda interviene più rapidamente di quanto richiesto mesi fa, sia a seguito di una decisione arbitrale contestata sia a supporto di una scelta tecnica “, ha sottolineato il giornalista.

Getty Images

Si riferisce alle parole di Marotta quando ha parlato Eriksen. E dopo questo patto di Villa Bellini ora arriva un altro passo, un rilancio sul gol dello scudetto. Arriveranno le proposte dell’allenatore e la società avrà il compito di rispondere. Nel frattempo, ha fatto i risultati registrando sette vittorie consecutive. È un gol all’orizzonte, da conquistare e lo ha detto lui stesso dopo il match con il Verona:Dovremo lottare per provare a vincere, indipendentemente da ciò che manca. Dovremo lottare fino alla fine, solo uno vince, al di là di ciò che manca. È importante essere in carica, è la settima vittoria consecutiva e questo dovrebbe darci convinzione e morale ”.

(fonte: SS24)

READ  Lazio, porta bollo Covid. Il laboratorio: 'Col Toro in campo solo negativi'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *