Referendum in Bielorussia sulla costituzione, mentre il regime tace sull’Ucraina

Fino a un anno fa Minsk aveva ancora buoni rapporti con Kiev: durante il conflitto russo-ucraino del 2014, Lukashenko ha adottato una posizione di categorica neutralità. Non è un caso che i negoziati di pace si siano svolti nella città neutrale di Minsk. Fino a tre mesi fa, Lukashenko si rifiutava anche di riconoscere l’annessione della Crimea da parte della Russia.

Dopo che Putin è venuto in aiuto di Lukashenko reprimendo le proteste contro il suo governo, Lukashenko ha dato un tono diverso con l’Ucraina. Pertanto, il corso occidentale del paese è diventato una minaccia per la Bielorussia Nominato† A Kiev, un importante attivista bielorusso è stato trovato morto in un parco. Questo sospettare è che dietro l’omicidio c’è la Bielorussia.

Critiche non possibili

L’invasione dell’Ucraina ha scioccato molti bielorussi, afferma il giornalista Alevich. “Non conosco nessuno che sostenga l’aggressione russa in Ucraina. Inoltre, la gente è sorpresa che il nostro governo permetta all’esercito russo di usare il nostro territorio”.

L’indignazione può essere espressa in modo sicuro solo all’interno di una cerchia familiare. Questa settimana è diventato uno studente smettere perché aveva criticato l’invasione ai suoi compagni di classe; un altro è stato arrestato per aver criticato un gruppo di Telegram.

Segnali di resistenza sono comunque percepibili nel centro di Minsk:

READ  Man overlijdt na vergiftiging in restaurant, zeven gewonden | Buitenland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *