Ripristinata l’alimentazione alla centrale nucleare di Chernobyl, il personale è ancora incarcerato

Ripristinata l’alimentazione alla centrale nucleare di Chernobyl, il personale è ancora incarcerato

L’11 marzo è arrivato un nuovo diesel con il quale i generatori di emergenza potrebbero continuare a funzionare. Inoltre, la Russia ha affermato che è possibile collegare all’impianto i cavi elettrici dalla Bielorussia, non lontano da Chernobyl.

I reattori di Chernobyl non funzionano, ma devono ancora essere smantellati. Inoltre, il reattore esploso contiene ancora residui radioattivi che devono essere smaltiti. “Si tratta di sostanze estremamente pericolose e calde”, ha affermato il fisico nucleare Wim Turkenburg.

Il lavoro è svolto da un totale di 211 persone. Sono bloccati sulla scena dal 23 febbraio, dice l’AIEA† Il direttore Rafael Grossi è molto preoccupato per questo. Per garantire la sicurezza, le squadre devono essere regolarmente riposate e in grado di ruotare, secondo Grossi.

Secondo l’AIEA, il personale non sta più effettuando lavori di riparazione e manutenzione su “attrezzature legate alla sicurezza”, in parte a causa dell’esaurimento fisico e mentale dovuto all’essere rimasto intrappolato per così tanto tempo. L’AIEA non può comunicare direttamente con il personale delle centrali nucleari, ma è in contatto con dirigenti che non sono sul posto.

Il disastro nucleare di Chernobyl è stato il peggior disastro nucleare di tutti i tempi. Era così:

READ  Trump taglia le truppe in Iraq, ora spera nel Premio Nobel per il Nord America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *