Serbia e Kosovo ‘quasi non sono d’accordo su nulla’, ma domani parleranno di pace insieme |  All’estero

Serbia e Kosovo ‘quasi non sono d’accordo su nulla’, ma domani parleranno di pace insieme | All’estero

Serbia e Kosovo “sono quasi d’accordo su nulla” mentre domani si siedono per i colloqui di pace a Bruxelles. Il presidente serbo Aleksandar Vucic si aspetta “colloqui difficili”, ha affermato questo pomeriggio dopo i colloqui esplorativi alla Nato.

I colloqui di domani, guidati dal capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell, mirano a disinnescare le tensioni mentre il governo del Kosovo a Pristina fa un altro tentativo all’inizio del prossimo mese di costringere i serbi etnici in Kosovo a usare il Kosovo. targhe e documenti di viaggio. Ha anche portato a una grande tensione alla fine del mese scorso poiché molti serbi continuano a vedere il Kosovo come parte della Serbia e non vogliono riconoscerlo come uno stato indipendente.

Secondo il serbo Vucic, Pristina sta alimentando il fuoco, comprese le storie sui piani di invasione della Serbia. “Lo sentiamo da mesi, ma finora non è successo nulla”. Vucic nega anche di aver bisogno di un aiuto “straniero” (leggi: russo) per costruire basi di sicurezza aggiuntive. “Ciò di cui abbiamo bisogno è un approccio razionale e una soluzione di compromesso attraverso le conversazioni”.

Il capo della NATO Jens Stoltenberg ha tenuto colloqui separati con Vucic e il primo ministro kosovaro Albin Kurti e successivamente ha tenuto conferenze stampa separate con loro. La NATO non permetterà che le differenze tra Pristina e Belgrado portino a nuovi conflitti nei Balcani o peggio, ha affermato Stoltenberg. La forza di mantenimento della pace della KFOR a guida NATO, composta da quasi 4.000 uomini, che ha il mandato di garantire la stabilità nella regione, “interviene quando necessario” e viene anche ampliata quando necessario, secondo Stoltenberg.

READ  Confermato l'ergastolo per Ratko Mladic, il boia di Srebrenica

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *