Sevilla-Betis, Jordan colpito dagli spalti: gara sospesa

Negli ottavi di finale di Copa del Re bel gol del Papu Gomez, il pareggio di Fekir, poi il delitto: il Siviglia esce dal campo, il Betis è indeciso, poi la decisione ufficiale

dal nostro inviato Filippo Maria Ricci

Era un grande gioco, un criminale l’ha rovinato. Serata di derby a Benito Villamarin, ‘El Gran Derbi’ come viene chiamato qui. Betis-Siviglia per il secondo turno di Copa del Re. Grande atmosfera, gol di Papu Gomez, pareggio direttamente su calcio d’angolo di Nabil Fekir che sorprende il terzo portiere del Siviglia Alfaro, e mentre il Betis festeggia, delitto. Da corner del Betis lanciano un’asta che colpisce in testa Joan Jordan, l’arbitro è con nonchalance a due passi dal giocatore sivigliano. Fekir è ancora lì ad abbracciare i suoi compagni quando De Burgos Bengoetxea raccoglie l’oggetto e lo porta nell’area del tunnel.

Il seguente

Joan Jordan si alza, litiga con i fan del Betis, sembra stare bene. Poi si siede e viene visitato dal medico. La barella arriva, ma Joan Jordan esce dal campo con le sue stesse gambe. Perché il Siviglia ha deciso di lasciare il prato, mentre quelli del Betis si sono separati: alcuni sono rimasti sul prato, altri se ne sono andati. Gioco fermo per circa tre quarti d’ora, fino alla notizia ufficiale: gioco sospeso in attesa di nuove decisioni. Sembra probabile che il Siviglia vincerà per impostazione predefinita.

READ  Il giallo delle Olimpiadi, Tokyo pensa ora a una possibile rinuncia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.