Stati Uniti, Trump: “Non ho paura del 25 ° emendamento, la libertà di parola è sotto attacco”

Trump ha parlato da Alamo, in Texas, dove si è recato per celebrare lo “straordinario successo” del suo muro al confine con il Messico, mentre la Camera si prepara a votare la mozione che chiede al vice Mike Pence di licenziarlo entro 24 ore con il 25 ° emendamento.

Trump difende il discorso del 6 gennaio: “Totalmente appropriato” Prima ancora di andarsene, il presidente aveva contrattaccato per la prima volta dal 6 gennaio in tono provocatorio, definendo “del tutto appropriato” la manifestazione incendiaria in cui incoraggiava i suoi fan a prendere d’assalto. Congresso e di rifiutare ogni responsabilità. Ha poi definito la procedura di impeachment “completamente ridicola”, accusando i dem di aver causato “un’enorme rabbia” tra i suoi sostenitori, pur assicurando di non volere “nessuna violenza”: “è ora di calma e pace in campagna “. L’ultimo blocco lo ha riservato alle piattaforme social che hanno sospeso il suo profilo, cancellato migliaia di account controversi (oltre 70.000 su Twitter collegati alla teoria del complotto di estrema destra QAnon) e bandito Speak (il Twitter di destra) : “Un errore catastrofico”.

Pence: 25 ° emendamento non nell’interesse del paese | L’ipotesi di licenziamento Nel frattempo la Camera ha dato il via alla lunga maratona per convincere Pence a invocare il 25 ° emendamento contro il presidente. Una strada che ora sembra essere un vicolo cieco dopo la “buona conversazione”, secondo fonti della Casa Bianca, che i due hanno avuto nello Studio Ovale, impegnandosi “a continuare a lavorare per conto del Paese per il resto della loro vita. mandato “e dopo la lettera di Pence al presidente della Camera, Nancy Pelosi, in cui il vicepresidente ha spiegato di non ritenere che il 25 ° emendamento sia nel migliore interesse degli Stati Uniti:” L’energia di la nostra amministrazione mira a garantire una transizione graduale. dividerebbe e accenderebbe ulteriormente la passione del momento “.

READ  Canada, trovati i corpi di centinaia di bambini vicino a una scuola

Quindi sembra inevitabile che il voto sulla mozione di impeachment inciti all’insurrezione, che alla Camera ha già una maggioranza semplice democratica. Resta solo da vedere quanti repubblicani romperanno le fila: la CNN ne ha contati una dozzina su 211 finora.

Allerta più alta negli Stati Uniti Nel frattempo, la tensione aumenta in tutto il paese dopo che l’FBI ha allarmato su possibili marce di milizie armate tra il 16 gennaio e il 20 gennaio non solo a Capitol Hill, ma anche contro la capitale negli altri 50 stati. Americani. Una sceneggiatura drammatica, quasi come una seconda guerra civile. Sul web, i sostenitori di Trump citano una “ Million Militia March ” per il 20 gennaio, giorno del giuramento del nuovo presidente, a cui potrebbe partecipare anche Ivanka, determinata a salvare le sue ambizioni politiche sfidando il rabbia di suo padre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *