Storia: estromesso il premier pakistano dopo un voto di sfiducia | All’estero

Il parlamento pakistano ha ritirato la fiducia nel primo ministro Imran Khan. Durante la notte da sabato a domenica, 174 dei 342 delegati hanno sostenuto un voto di sfiducia contro l’ex idolo del cricket. Lo ha annunciato il vicepresidente della Camera dei Comuni. Lunedì verrà scelto un successore di Khan.

Khan è il primo primo ministro nella storia del Pakistan ad essere rovesciato in questo modo. Fu accusato di mancanza di leadership e incompetenza in materia economica. I prezzi di cibo e carburante, tra l’altro, sono aumentati enormemente in questo Paese asiatico di circa 220 milioni di abitanti. La crisi della corona ha svolto un ruolo importante in questo.

I sostenitori dei partiti al governo non hanno aspettato il risultato e hanno lasciato prematuramente la sala riunioni. Il leader dell’opposizione Shehbaz Sharif ha ringraziato i presenti per il loro sostegno in questa lotta. “Questa unità ricostruirà il Pakistan”, ha detto.

Allungato

La gente in Pakistan attende con impazienza il voto sin dalle prime ore del mattino. La Corte Suprema ha ordinato il suo mantenimento giovedì, dopo quasi una settimana di incostituzionalità. Anche il presidente del Parlamento Asad Qaiser, uno stretto confidente di Khan, ha causato ritardi sabato, fino a quando non si è dimesso inaspettatamente poco prima di mezzanotte, aprendo la strada al voto.

Il distretto governativo di Islamabad è stato sorvegliato da centinaia di funzionari della sicurezza dopo il tramonto. Le strade di accesso al palazzo del parlamento erano bloccate da giorni da container per paura di violente proteste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.