“Ucraina oggi, Taiwan domani?  Si stanno preparando a Taipei

“Ucraina oggi, Taiwan domani? Si stanno preparando a Taipei

Esercitazione militare a Taiwan lo scorso novembre.  Immagine NurPhoto tramite Getty Images

Esercitazione militare a Taiwan lo scorso novembre.Immagine NurPhoto tramite Getty Images

Quando l’organizzazione taiwanese Kuma Academy ha annunciato un addestramento di “difesa di guerra per i civili” all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina, i quaranta posti sono stati immediatamente occupati. Il tempismo è stato fortuito – l’organizzazione ha pianificato il corso da mesi – ma la risposta è stata travolgente. La Kuma Academy ha subito deciso di impartire la formazione molto più spesso.

L’invasione russa dell’Ucraina ha colpito Taiwan, dove molti si identificano con il paese sotto attacco. Taiwan, come l’Ucraina, è una giovane democrazia che rischia di essere conquistata da una superpotenza autocratica. Nei media taiwanesi sono stati creati collegamenti subito dopo il raid, sotto titoli come “Oggi Ucraina, domani Taiwan? “.

Non sarà così veloce, ma a lungo termine, gli eventi in Ucraina potrebbero prefigurare l’isola de facto indipendente, che Pechino vede come una provincia rinnegata. Questo è un motivo per cui la politica taiwanese adegua i suoi preparativi militari. E che il popolo di Taiwan rifletta sul proprio ruolo in una guerra. La domanda di formazione alla mobilitazione dei cittadini e di corsi di primo soccorso è visibilmente aumentata.

L’Ucraina come specchio

“Prima, molte persone non avrebbero potuto immaginare che la guerra sarebbe davvero scoppiata”, ha affermato Chen Fangyu, professore di scienze politiche alla Soochow University di Taipei. “Dopo le proteste di Hong Kong nel 2019, le persone hanno iniziato a rendersi conto della minaccia cinese e ora accelererà. L’Ucraina cambierà radicalmente la valutazione della probabilità di guerra da parte dei taiwanesi.

Molti taiwanesi vedono l’Ucraina come uno specchio: proprio come l’Ucraina siede sulla tensione tra Russia e NATO, Taiwan è il focolaio della tensione tra Cina e Stati Uniti. Con l’intensificarsi del confronto tra le grandi potenze – o tra democrazia e autocrazia, queste vengono sempre più esaminate. In Ucraina letteralmente, a Taiwan sotto forma di jet che volano sopra la testa e retorica sempre più esplicita sull’imminente “riunificazione”.

Ci sono anche differenze importanti. Mentre Russia e Ucraina condividono un confine terrestre, c’è uno stretto di 180 chilometri tra Cina e Taiwan, il che rende un’invasione ancora più complessa. Inoltre, con la sua posizione dominante nell’industria dei semiconduttori, Taiwan è più importante dell’Ucraina per l’economia globale, il che significa che può contare su un maggiore sostegno internazionale. E ha accordi con gli Stati Uniti sugli aiuti militari, anche se non offrono garanzie stagne.

Non uno stato sovrano

Pechino insiste su un’altra differenza: Taiwan non è uno Stato sovrano. L’isola, staccata dall’Impero cinese alla fine del 19° secolo e fuori dalle mani del PCC dopo che i comunisti hanno preso il potere nel 1949, non ha sede nelle Nazioni Unite ed è riconosciuta solo da 13 paesi. Per Pechino, l’Ucraina è un conflitto geopolitico e Taiwan è un conflitto interno. In altre parole, l’acquisizione di Taiwan da parte della Cina è ancora più lecita dell’acquisizione da parte della Russia dell’Ucraina.

Di per sé, l’invasione dell’Ucraina non cambia il livello di minaccia a Taiwan. La speculazione secondo cui Pechino avrebbe usato la distrazione per lanciare un’invasione stessa è respinta dagli esperti: un’operazione del genere richiede mesi di preparazione. Inoltre, il presidente del partito Xi non vuole correre rischi in vista del congresso del partito di questo autunno, dove vuole incassare il suo terzo mandato. Ma negli anni a venire, Xi potrebbe cogliere l’occasione per realizzare il suo sogno.

Ciò che è cambiato dall’Ucraina è la consapevolezza di Taiwan di questa minaccia e la consapevolezza che l’isola deve difendersi. La risposta tardiva dei paesi occidentali all’invasione dell’Ucraina ha provocato onde d’urto a Taiwan: è così che l’Occidente difende la democrazia? Dopo la forte resistenza degli stessi ucraini, l’Unione Europea ha finalmente imposto pesanti sanzioni e questa settimana due delegazioni del governo statunitense sono venute ad esprimere la loro solidarietà a Taiwan. È stato rassicurante, ma lo shock iniziale è rimasto con molti taiwanesi.

Rifiuta i primi attacchi

“La risposta dell’Ucraina ci ha insegnato una buona lezione: è inutile chiedere la pace in ginocchio, bisogna difendersi”, ha detto Lin Yi An, giornalista di 41 anni che vuole partecipare alla formazione della Kuma Academy. “Taiwan è stata debole in passato, sperando che gli Stati Uniti venissero in soccorso. Ma ora sempre più taiwanesi si rendono conto che dovremo respingere noi stessi i primi attacchi, fino a quando altri paesi non accetteranno di sostenerci.

Lin è consapevole della minaccia cinese delle proteste di Hong Kong, avendo precedentemente frequentato corsi di primo soccorso. Sempre più taiwanesi stanno seguendo le sue orme: le persone chiedono lezioni di tiro sui social, i corsi di primo soccorso si stanno riempiendo in pochissimo tempo, e sempre più organizzazioni stanno offrendo formazione di protezione civile. Il governo ha rilasciato un manuale di coinvolgimento dei cittadini e un’app con le posizioni dei rifugi antiaerei.

Coscrizione anche per le donne

Il governo vuole anche rafforzare l’esercito. All’inizio di quest’anno si era già deciso di aggiornare il corso annuale di aggiornamento per riservisti, ora si discute sull’estensione del servizio militare. Dura quattro mesi ed è riservato agli uomini. “Deve essere più lungo, sia per uomini che per donne”, afferma Fan Shih-Ping, professore di scienze politiche alla Taiwan Normal University. “Ora c’è molto sostegno pubblico, quindi ora è il momento perfetto per cambiarlo”.

Per molti taiwanesi la conclusione è chiara: se l’Ucraina non ha potuto impedire un’invasione russa, Taiwan non può impedire i cinesi, ed è meglio essere preparati. “Vogliamo mostrare al mondo che il popolo di Taiwan si assume la responsabilità di difendersi”, ha affermato He Chenghui, co-fondatore della Kuma Academy. “Ma avremo bisogno del sostegno di altri paesi democratici. Condividiamo gli stessi valori, dobbiamo sostenere insieme la democrazia.

READ  A due mesi dall'inizio della guerra, la situazione in Sudan è un vero incubo | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *