USA 2020, un ricercatore olandese hackera l’account Twitter di Trump … indovinando la password

Al quinto tentativo – Gevers è riuscito a inserirsi nel profilo di Trump al quinto tentativo, scrivendo “maga2020!” (acronimo dello slogan Trumpian “Make America great again”). In un istante si ritrovò a gestire un account per 87 milioni di abbonati. “Mi aspettavo di essere bloccato dopo quattro test o almeno di chiedere ulteriori informazioni”, ha detto il ricercatore al quotidiano olandese.

Grazie – Per Gevers è un promemoria: sì nel 2016 ha realizzato la stessa impresa ancora contro Trump, che allora era un semplice candidato alla Casa Bianca, usando un’altra famosa frase di Trump, “sei licenziato”. Dopo l’exploit, il ricercatore ha tentato di farlo contatto tramite Twitter Il team della campagna di Trump ha riportato la fuga di notizie, etichettando anche la Casa Bianca, la CIA e l’FBI, inizialmente senza successo. Solo dopo due giorni – secondo il racconto di Gevers – i Servizi lo hanno contattato per ringraziarlo.

La versione Twitter – Tuttavia, Twitter nega la sua ricostruzione. Un portavoce dei social media ha negato quanto riportato dal quotidiano: “Abbiamo rafforzato le misure di sicurezza per un gruppo di profili importanti: resoconti relativi alle elezioni statunitensi, compresi i rami federali del governo”.

READ  Turchia: la nave Oruc Reis estende la sua missione in acque contese - Ultima Ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *