“Vendita o è fuori di A”, nessuna proroga e compare una storia sul governatore De Luca

Gravina si oppone all’estensione del Trust per la cessione della Salernitana

colpo duro Fichi contro Salerno. braccio di ferro tra Gravina e Lotito. Il Salerno così si ritrova con i giorni contati. “O la cessione o l’esclusione” della Serie A: è il diktat della Federazione nei confronti del club granata, che ha nove giorni di tempo per trovare un nuovo titolare. Insomma, entro il 31 dicembre la Salernitana dovrà essere venduta.

Il calcio più recente

Gravina dice no all’estensione del Trust

Come riportato Mattina:

Nessuna proroga al Trust, dunque, in cui la federazione del Granada è ingessata dallo scorso luglio, per l’incompatibilità del co-titolare Claudio Lotito a possedere due squadre della stessa categoria. Le ottimistiche previsioni dopo l’assemblea di Serie A «Nei giorni scorsi non hanno trovato risposta in Consiglio Federale.«La Lega non è stata unanime sulla proroga – ha chiarito subito Gravina – perché una società ha accettato a condizione che i granata vengano sanzionati. Ma non è questo, la temuta proroga oltre il 31 dicembre non è assolutamente prevista nell’atto di affidamento che i coloni ei fiduciari hanno firmato davanti a un notaio”. La richiesta di proroga è arrivata lunedì sera da uno dei due coloni (sembra che fosse Lotito che ieri era presente al Consiglio Federale, ma non ha votato per evidente conflitto di interessi ed è uscito dalla sede nera della FIGC e senza pubblicare eventuali dichiarazioni). Gravina parla dei sostenitori del melograno, svela un passato con il governatore Vincenzo De Luca (“È venuto più volte a Roma, unico interlocutore con cui abbiamo avuto un continuo e costante scambio di informazioni. Insieme abbiamo applaudito per una soluzione. Forse c’è ancora tempo “)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.