“Voglio vincere il più possibile”. Dejan Kulusevski, 44 anni sulle spalle e sogna la Juventus

L’esterno è stato presentato oggi in conferenza stampa alla Juventus Dejan Kulusevski. Il numero 44, scelto in onore di Adnan Januzaj, uno dei suoi primi idoli, ha parlato della sua nuova avventura alla Juventus.

Si rischia di giocare subito domenica sera contro la Samp …

“Domenica c’è una partita molto importante. Sono pronto a giocare se l’allenatore mi mette in campo, sono contento che finalmente giochiamo e non vedo l’ora di farlo”.

Cosa ti aspetti da questa esperienza?

“Sono venuto qui per migliorarmi, per diventare più forte del giorno prima e per vincere partite. Voglio rendere felice la città. Voglio vincere il campionato, ogni partita di allenamento. Voglio vincere il più possibile”.

Cosa ti ha detto Ronaldo?

“Cristiano è fantastico, è molto gentile. Parla con tutti, anche fuori dal campo. Le sue parole sono come benzina, ho la fortuna di poter giocare con lui e spero di aiutarlo. . “

Qual è la tua posizione preferita in campo?

“Ho giocato in molti ruoli, dove mi mette l’allenatore. Centrocampista, esterno, attaccante. Dipende da chi giochiamo e da come giochiamo. Mi sento a mio agio in tutti i ruoli, io non ho un preferito. “

Le parole di Ibrahimovic rendono felice anche te?

“Era uno dei miei idoli, ha aperto porte in Svezia che nessuno aveva mai aperto. Abbiamo parlato, mi ha chiamato ed è stato emozionante per me perché quando ero piccolo non lo facevo non pensavo che mi avrebbe chiamato. “

Cosa ti ha sorpreso in quei primi giorni alla Juve e cosa pensi di poter dare?

“Ogni giorno è una guerra, devi essere sempre al 100%, non puoi entrare in campo e non essere concentrato perché tutti lo noterebbero subito. Penso di poter dare energia, quando esco in campo ho voglia di divertirmi. In campo corro molto e faccio del mio meglio. tutto per far vincere la squadra ”.

READ  Live Monza-Chievo (sab 24/10, ore 14), probabili formazioni: Sommariva verso la conferma, torna Gytkjaer?

Che effetto ha su di te essere allenato da Pirlo?

“Da giocatore l’ho seguito molto, da allenatore è lo stesso. È un onore essere allenato da lui. Mi parla e mi aiuta molto, sono fortunato essere allenato da lui. Mi dà sempre consigli e farò di tutto per aiutarlo “.

Ti senti sotto pressione perché ci sono così tante aspettative da te?

“Nessuno ha più aspettative di me. A 20 anni sono qui e sono il ragazzo più fortunato del mondo. C’è del lavoro da fare, farò del mio meglio ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *