Trewa

Trewa - band 2015

Il progetto Trewa nasce nel dicembre del 2009 da un’idea di Luca Briccola (chitarre, tastiere, flauti, voci), Marco Carenzio (voci, chitarra acustica, arpa), Filippo Pedretti (violino) e Sabrina Noseda (arpa celtica, voce), che realizzano “At The Firelight”, una breve selezione di tradizionali, pensata come regalo di Natale per gli amici. L’esperienza, seppur breve (meno di tre settimane), risulta alquanto divertente. Gli entusiastici commenti degli amici spingono i quattro ad impegnarsi in qualcosa di più grande. Così, trascorso un po’ di tempo a scegliere musiche e testi e a cercare ulteriori musicisti ed ospiti, nel marzo 2011 si dà inizio alle registrazioni di “Many Meetings On A Blithe Journey” presso gli studi Mentalchemy Dungeon. Durante le fasi di registrazioni vengono coinvolti nel progetto: Serena Bossi (voci, chitarra acustica, piano, flauti), che sostituisce Sabrina Noseda che abbandona per impegni lavorativi, Joseph Galvan (basso, chitarre, cori), che per impegni matrimoniali, però, non prende parte alle registrazioni, e Mirko Soncini (batteria, percussioni, fisarmonica).

L’album può essere considerato l’inizio dell’espressione di ciò che i Trewa intendono offrire. La formazione prende ispirazione dalla nostalgia e da impressioni storiche, attraverso particolari sensazioni ornate da atmosfere anni ’70. Il tempo e lo spazio sono i contenuti della loro rotta per trovare idee. Basandosi sul tradizionale e caratterizzati dal folk progressivo, scoprono di poter incontrare anche altre influenze.

L’obiettivo è quello di ottenere un’atmosfera calda, acustica e che richiami atmosfere del passato ma in un ottica “danzereccia e proggheggiante”. Quindi musiche folk di facile ascolto ma con dettagli tecnici degni del progressive rock, come contrappunti e tempi sincopati o composti.

Dopo la pubblicazione di “Many Meetings On A Blithe Journey” si registrano le defezioni di Carenzio e Bossi e gli ingressi di Lucia Amelia Emmanueli (voce, flauti, clarinetto) e Claudio Galetti (voce).

Il 25 gennaio 2015 vede la luce “Selvadic” (scaricabile gratuitamente qui), demo che apre la strada al nuovo album dei Trewa .

Il 31 ottobre 2016 viene pubblicato “Beware The Selvadic“, il terzo album in studio che segna la svolta heavy nel sound della band comasca all’insegna di un progressive rock più duro pur mantenendo le caratteristiche connotazioni folk che si rifanno ai fondatori del genere come Jethro Tull, Pentangle e Fairport Convention. L’album prosegue la direzione multi-folkloristica intrapresa nel precedente “Many Meetings On A Blithe Journey” esplorando sonorità tradizionali come klezmer, country, tradizionali medievali, irlandesi, norrene e mediorientali, rivisitate in chiave progressive rock per ricreare un immaginario suggestivo di un mondo selvatico popolato da mostri mitologici le cui leggende sono racchiuse nella sublime cornice di una natura incontaminata.

Il 27 giugno 2017, con un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale, la band annuncia l’abbandono del progetto da parte di Claudio Galetti e Mirko Soncini a causa di molteplici impegni personali e professionali.

Il nome Trewa significa tregua in lingua longobarda (riportato in vecchi documenti anche come treuwa treuua) pronunciato /t’re:va/ o come /t’reuwa/ o /t’ri:wa/, che condivide la stessa radice linguistica dell’inglese trucetrue trust, nonché dell’italiano tregua, appunto, e Trevano, è la sede degli studios e misterioso villaggio dell’Italia settentrionale.

Per maggiori info: Trewa | Facebook

Formazione:

Luca Briccola: chitarre, tastiere, flauti, fisarmonica, banjo, percussioni, cori

Lucia Amelia Emmanueli: voce, flauti, clarinetto

Joseph Galvan: basso, chitarre, cori

Filippo Pedretti: violino, glockenspiel, cori, orchestrazioni

Ex membri:

Mirko Soncini: batteria, percussioni, fisarmonica

Claudio Galetti: voce

Serena Bossi: voci, chitarra acustica, piano, flauti

Marco Carenzio: voci, chitarra acustica, arpa

Sabrina Noseda: arpa celtica, voce

Collaboratori:

Irina Solinas: violoncello (in “Beware The Selvadic“)

Massimo Volonté: whistles (in “Beware The Selvadic“)

Riccardo Tabbì: bodhran (in “Beware The Selvadic“)

Richard George Allen: voce (in “Beware The Selvadic“)

Rossana Monico: arpa (in “Beware The Selvadic“)

Melissa Milani: cornamusa (in “Beware The Selvadic“, “Many Meetings On A Blithe Journey“)

Rossana Monico: arpa (in “Many Meetings On A Blithe Journey“)

Alberico Giussani: violino (in “Many Meetings On A Blithe Journey“)

Auro Perego: violino (in “Many Meetings On A Blithe Journey“)

Pauline Fazzioli: arpa

Veronica Marelli: violoncello

Discografia:

2009 – At The Firelight (Mentalchemy Records)

2012 – Many Meetings On A Blithe Journey (Mentalchemy Records)

2015 – Selvadic (Demo, Download gratuito)

2016 – Beware The Selvadic (Mentalchemy Records)

 

Fotogallery

  • Trewa
  • Trewa
  • Trewa
  • Trewa

Check Also

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Faust & Malchut Orchestra / Fausto Bisantis

Faust & Malchut Orchestra è la band che dal 2012, porta in scena il repertorio …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *