Home / Artisti e gruppi / Zuffanti Fabio

Zuffanti Fabio

Fabio Zuffanti

Fabio Zuffanti nasce a Genova il 5 giugno 1968. Inizia la sua carriera musicale nel 1994. Da quel momento, è coinvolto nella realizzazione di oltre 40 dischi come solista o leader di numerosi gruppi e progetti (Finisterre, La Maschera Di Cera, Höstsonaten, L’Ombra della Sera, Rohmer, laZona, Aries, Quadraphonic, R.u.g.h.e. e molti altri). Negli anni si è misurato con una moltitudine di generi: dal rock al folk, dal pop all’elettronica, alla psichedelia e molto altro. Il genere per il quale Zuffanti è conosciuto a livello internazionale è però il rock progressivo, stile che dopo i fasti degli anni ’70 non è mai morto, ma anzi ha continuato a interessare un vasto pubblico sparso il tutto il mondo.

Fabio ha lavorato con importanti produttori italiani (Roberto Colombo e Franz di Cioccio su tutti) e i suoi dischi sono stati pubblicati da un gran numero di etichette italiane e straniere.

Con i vari progetti si è esibito dal vivo in Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Olanda, Portogallo, Stati Uniti, Messico e Giappone . Grazie a questa capillare attività live, ma soprattutto al successo di critica e di vendite (che hanno raggiunto la considerevole cifra delle 100.000 copie, tra propri lavori e collaborazioni), Zuffanti è considerato oggi uno dei più importanti rappresentanti del prog di “nuova generazione”.

Fabio Zuffanti è anche direttore artistico dell’etichetta Mirror Records e lavora come compositore di musiche per sigle televisive, colonne sonore, performance di danza e teatro. Ha inoltre composto due opere rock, collaborato a svariati reading in compagnia di Tommaso Labranca e scritto due libri (“O casta musica”, 2012 Vololibero Edizioni, e “Ma che musica suoni”, in pubblicazione a febbraio 2014 per Zona Editrice).

Il suo progetto solista prende vita nel 2007 e lo porta a realizzare, nel corso dei successivi due anni, una serie di progetti: l’EP di esordio “Pioggia e luce” (Marsiglia Records), svariate canzoni contenute in diverse compilations e alcuni remix per il gruppo Julie’s Haircut.

La musica dello Zuffanti solista è rivestita da una patina di cantautorato ed elettronica ed ha avuto come punti di riferimento sonori artisti quali Robert Wyatt, Sigur Rós, Lucio Battisti, Franco Battiato, Thom Yorke e molti altri. Di fondamentale importanza per Zuffanti è la ricerca di una certa atmosfera sospesa tra sogno e realtà che si rivela influenzata da fattori non meno importanti da quelli musicali come: la neve, l’asfalto, la pioggia, il fango, gli armadi, le foglie calpestate, le pietre, i racconti strambi e i terremoti dell’anima.

Nel 2009 avviene la pubblicazione del primo omonimo album solista di Fabio Zuffanti, pubblicato dall’etichetta milanese AMS Records. L’album è solista nel senso più pieno della parola in quanto realizzato interamente e in ogni suo aspetto musicale da Zuffanti; composizione, arrangiamenti, esecuzione, produzione e registrazione. Da segnalare il brano “Domeniche senza tramonto” il cui testo è stato scritto da Tommaso Labranca.

Nel marzo 2010 Zuffanti pubblica con Mellow Records il suo secondo album “Ghiaccio”, maggiormente orientato verso la forma-canzone, soluzione con la quale Fabio si confronta sempre più e che trova pieno sviluppo nel suo terzo lavoro “La foce del ladrone”, uscito il 3 maggio 2011.

Il 15 gennaio 2014 viene pubblicato “La quarta vittima”, quarto album in studio e anche primo lavoro solista completamente imperniato sul progressive rock. Il 25 maggio dello stesso anno, dopo cinque album, dodici anni di carriera e svariati concerti in giro per il mondo, Zuffanti lascia La Maschera di Cera per concentrarsi a fondo nella sua carriera solista e negli altri progetti che lo vedono protagonista.

Il 1° dicembre 2014 viene pubblicato su etichetta AMS Records “Il mondo che era mio – Live in studio 2014“, live album registrato suonando dal vivo in studio parte del materiale che Zuffanti e la sua ZBand hanno eseguito dal vivo nei concerti in Italia, Belgio, Olanda e Canada. Il disco contiene brani tratti dall’ultimo acclamato album solista di Zuffanti, “La quarta vittima”, assieme a una scelta di pezzi di Höstsonaten, Finisterre e La Maschera Di Cera.

Il 28 marzo 2015, esclusivamente in occasione del concerto “Un viaggio lungo 20 anni” a La Claque di Genova, Zuffanti rende disponibile (in una tiratura limitata a 100 copie autografate) “Ruggine 1992-2011”, CD contenente diverse rarità di Höstsonaten, Merlin, Aries e Zuffanti.

Il 31 marzo 2017 esce, su etichetta AMS Records in edizione limitata a 100 copie solo su musicassetta e digital download, “Amore Onirico EP“. Si tratta di otto pezzi brevi e scarni che rappresentano quasi delle confessioni; chitarre, voce, piano e poco altro a offrire una dimensione intima che porta alla luce pensieri, immagini, rabbia, ricordi e dolori che da tempo stagnavano nell’anima di Fabio.

Per maggiori info: www.zuffantiprojects.com | www.fabiozuffanti.com

 

Discografia, libri, info (sono esclusi i live, partecipazioni a dischi altrui e compilation)

Come Fabio Zuffanti:

2007 – Pioggia e luce EP (CDr, Marsiglia Records)

2009 – Fabio Zuffanti (CD, AMS Records)

2010 – Ghiaccio (CD, Mellow Records)

2011 – La foce del ladrone (CD, Spirals records/Long Song Records)

2014 – La quarta vittima (CD, AMS Records)

2014 – Il mondo che era mio – Live in studio 2014 (CD, AMS Records)

2015 – Ruggine 1992-2011 (tiratura limitata a 100 copie autografate)

2017 – Amore Onirico EP (tiratura limitata a 100 copie su musicassetta, AMS Records)

Con Finisterre:

1994 – Finisterre (CD + LP, Mellow Records)

1996 – In limine (CD, Mellow Records)

1999 – In ogni luogo (CD, Iridea Records. Ristampato nel 2010 da AMS con bonus tracks)

2004 – La meccanica naturale (CD, Immaginifica Records)

Con Höstsonaten: clicca qui

Con La Maschera di Ceraclicca qui

Con Quadraphonic:

1999 – Tecnicolor2100 (CDr, Spirals Records)

2000 – Third Ear Band Demixed (CDr, Spirals Records)

2001 – Sei paesaggi nella pioggia (CDr, Spirals Records)

2002 – Il giorno sottile (CD, Mellow Records)

2003 – Le fabbriche felici (CDr, Spirals Records)

2005 – Gennaio senza luce (CDr, Spirals Records)

2009 – Ir (CDr, D’ooringe l’orange)

Come Fabio Zuffanti e Victoria Heward:

2000 – Merlin – The Rock Opera (2CD, Iridea Records. Ristampato nel 2012 da AMS Records con copertina diversa, remixato, rimasterizzato e con nuove parti musicali)

Con laZona:

2003 – Le notti difficili (CD, Mellow Records)

Con ARIES:

2005 – Aries (CD, Mellow Records)

2010 – Double Reign (CD, AMS Records)

Con BUC-UR:

2007 – Beol EP (CDr, Spirals Records)

Con Rohmer:

2008 – Rohmer (CD, AMS Records)

Come Boris Valle e Fabio Zuffanti:

2010 – Boris Valle e Fabio Zuffanti (Solo digitale, AMS Records)

Con R.U.G.H.E.:

2010 – Niente Records Volume 3: R.U.G.H.E. (CDr, Niente Records)

Con L’Ombra della Sera:

2012 – L’Ombra della sera (CD, AMS Records)

Produzioni per altri artisti:

2013 – Oxhuitza – Oxhuitza (CD, Mirror Records)

2013 – Unreal CityLa crudeltà di aprile (CD, Mirror Records)

Libri:

2012 – O casta musica (Vololibero edizioni)

2014 – Ma che musica suoni? Diari autobiografici tra rock progressivo e vita (Zona edizioni)

Fotogallery

  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio
  • Zuffanti Fabio

Check Also

Quartech - band 2017

Quartech

I Quartech nascono a Roma nel dicembre 2010 da un’idea di Francesco Bianchi (tastierista/compositore). Grazie …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *