22 arrestati, vetri rotti e bidoni della spazzatura in fiamme

Ventidue persone sono stati arrestati a Parigi seguendo il scontri tra i polizia ei manifestanti sono scesi di nuovo in piazza contro la legge sulla sicurezza. “Grazie alle forze di polizia mobilitate oggi – ha twittato il ministro dell’Interno Gerald Darmanin – che in alcuni casi si sono confrontati con soggetti molto violenti: 22 persone sono già state arrestate ”.

La protesta di oggi è iniziata alle Porta Lilla, nella parte orientale della capitale francese, quando gruppi di giovani e rappresentanti sindacali si sono riuniti con l’intenzione di marciare verso Piazza della Repubblica. La protesta è stata indetta da un collettivo di sindacati, giornalisti e gruppi per i diritti umani, sebbene il parlamento abbia annunciato lunedì che avrebbe condotto una riscrittura completa dell’articolo 24 del legge, che limita il fuoco della polizia e che gli attivisti vorrebbero vedere cancellato del tutto.

Mio aalmeno metà del corteo non raggiungerà la destinazione fissa di Place de la République a causa di gravi incidenti durante il percorso, dove diverse auto sono in fiamme. I vigili del fuoco si precipitano nell’area Piazza Gambetta dove, secondo la prefettura, “è in corso un grande incendio”. Gravi danni causati da blocco nero, molto più di una settimana fa, almeno 400-500.

Il disegno di legge include anche una serie di altre misure controverse, come l’espansione del video sorveglianza dalla polizia durante le manifestazioni, ad esempio utilizzando i droni. Il governo afferma che la legge mira a garantire la sicurezza della polizia. Gli scontri di oggi seguono le proteste a livello nazionale della scorsa settimana che, secondo il ministero dell’Interno, hanno attirato circa 130.000 persone. Secondo gli organizzatori, coloro che sono scesi in piazza sono stati circa 500.000 persone. Nel tentativo di allentare le tensioni, il presidente Emmanuel Macron Ieri ha annunciato che all’inizio del prossimo anno avrebbe istituito una piattaforma online attraverso la quale le persone possono segnalare la discriminazione, ad esempio dalle forze dell’ordine.

Ultimo aggiornamento: 18:25


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Il PD sceglie la via della prudenza: servono regole rigide per tutelare la scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *