53 morti e 8,5 miliardi spesi

È ora di porre fine a questa lunga guerra“. Pertanto Joe biden ha annunciato il ritiro definitivo delle truppe statunitensi daAfghanistan vent’anni dopo l’inizio delle operazioni militari a seguito dell’attacco alle Torri Gemelle.

Gli Stati Uniti hanno raggiunto il loro obiettivo in Afghanistan dieci anni fa quando il leader di Al Qaeda Osama Bin Laden è stato ucciso da un commando americano – ha spiegato Biden – Dopo di che, le ragioni per restare lì sono diventate sempre meno chiare“.

In ogni caso, per il presidente americano sarà un ritiro “ordinato, non affrettato, e sarà coordinato con gli alleati della NATO“, Che dovrebbe terminare alla data simbolica di11 settembre.

Allo stesso tempo, l’impegno diItalia in Afghanistan, una missione che ci è costata negli ultimi due decenni 53 morti e 651 feriti. Nello specifico, 31 dei nostri soldati sono stati uccisi a seguito di azioni ostili dei talebani.

Afghanistan, quanto ci è costata questa guerra

Sono in procinto di 895 l’esercito italiano di stanza in Afghanistan. Secondo quanto si è appreso, le operazioni di ritiro dei nostri soldati dovrebbero iniziare il 1 maggio, mentre contemporaneamente potrebbe aumentare il numero dei soldati impegnati in Africa e Iraq.

Durata vent’anni, guerra in afghanistan è l’operazione militare più lunga alla quale l’Italia abbia mai partecipato, le nostre truppe sono in azione dal novembre 2001, due mesi dopo l’attacco alle torri gemelle.

Come riportato dall’agenzia di stampa Dire, secondo il Milex Observatory, questa guerra è costano 8,5 miliardi all’Italia compreso quello che sarà il costo di restituzione delle nostre truppe.

READ  La tentazione di Biden di boicottare i Giochi di Pechino - Cronaca

Nel dettaglio, 6,77 miliardi sono stati destinati agli stanziamenti diretti, 925 milioni per spese aggiuntive (trasporto di veicoli, attività umanitarie, costruzione di basi ecc …) e 720 milioni a sostegno delle forze armate e della polizia afghana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *