Instagram torna sui suoi passi: l’aggiornamento atteso non verrà rilasciato



Novità per Instagram, che ripercorre i suoi passi e non pubblicherà il tanto atteso aggiornamento. I dettagli

Instagram potrebbe presto dire addio al tanto atteso aggiornamento (Getty Images)

Nelle ultime settimane si è posto l’accento su un nuovo progetto di Instagram che sembrava pronto a mettere radici: un social network “per bambini”. Più precisamente, sarebbe stata la stessa piattaforma, ma dedicata agli under 13. Foto, video, storie, bobine, ecc .: funzioni già note agli utenti, ma con estensione maggiori limitazioni per i più piccoli.

Tuttavia, qualcosa sembra essere cambiato. UNA colazione composta da 35 gruppi ha infatti chiesto la proposta del gigante di Zuckerberg, inviando una lettera immediata con una richiesta esplicita: annullare immediatamente il progetto ideato. Ecco i motivi e che potrebbe accadere nel prossimo futuro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, un altro colpo con l’ultimo aggiornamento: tutte le novità

Instagram per bambini non vedrà la luce: i motivi per fermare l’aggiornamento

Instagram
Ecco i motivi che hanno portato a questa scelta (Getty Images)

La notizia non è ancora ufficiale, ma siamo vicini a: Instagram per bambini non vedrà mai la luce del giorno. Il progetto di aggiornamento lanciato dal colosso Zuckerberg prevedeva la nascita di una piattaforma identica ma alternativa, con puntate più alte e limitazioni per tutelare gli utenti di età inferiore ai 13 anni. Una coalizione composta da 35 gruppi tuttavia, ha inviato una lettera chiedendo l’annullamento del progetto. La ragione? Questa app può ispirare i giovani a imbattersi in foto e momenti di vergogna per l’immagine del tuo corpo.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Fortnite e Apple, continua lo scontro legale: c’è un serio risvolto

La raccolta dei dati della famiglia e la crescita di una generazione di utenti di Instagram possono anche essere una grande cosa per i profitti di Facebook.hanno sottolineato – tra gli altri – l’Africa Digital Rights Hub in Ghana, l’Australian Council on Children and the Media, il Center for Digital Democracy a Washington e la 5Rights Foundation in Gran Bretagna.

READ  Coronavirus, il documento ISS: "La scuola deve ripartire, ecco come fare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *