A gennaio la polizia di Amburgo è stata informata dell’uomo armato che ha massacrato i testimoni di Geova

A gennaio la polizia di Amburgo è stata informata dell’uomo armato che ha massacrato i testimoni di Geova

Detective ed esperti forensi sulla scena del crimine.  Punto di accesso alle immagini

Detective ed esperti forensi sulla scena del crimine.Punto di accesso alle immagini

Philipp F., 35 anni, si è fatto strada nella sala di preghiera dei Testimoni di Geova, la cosiddetta “Sala del Regno”, intorno alle 21:00 di giovedì sera e ha aperto il fuoco. La polizia è arrivata immediatamente con attrezzature pesanti, comprese le squadre di arresto e il servizio di smaltimento degli ordigni esplosivi.

Quando è arrivata la polizia, il tiratore è corso al piano superiore e si è suicidato. L’aggressore ha agito da solo ed è il legittimo proprietario della sua arma da dicembre. Ha così svuotato nove caricatori durante l’attacco. Altri magazzini sono stati trovati nel suo appartamento.

A gennaio la polizia tedesca ha ricevuto una denuncia anonima da parte di una persona preoccupata per la salute mentale di F. e per il fatto che fosse in possesso di armi e munizioni. Gli agenti hanno successivamente visitato l’uomo a casa sua, ma non hanno visto motivo di preoccupazione.

Il movente è ancora sconosciuto, ma al momento non ci sono indizi di terrorismo. “È un ex membro dei Testimoni di Geova che ha lasciato volontariamente la comunità un anno e mezzo fa, ma non in buoni rapporti”, ha spiegato un impiegato del servizio di sicurezza di Amburgo.

La polizia ha detto che in precedenza otto persone non sono sopravvissute. Oltre all’aggressore ci sono quattro uomini, due donne e un bambino non ancora nato. La madre del bambino è ancora viva. Altre otto persone sono rimaste gravemente ferite. Secondo il ministro, le vittime sarebbero potute essere molte di più se la polizia non fosse arrivata così in fretta. Circa 50 persone si trovavano nell’edificio per partecipare a una funzione religiosa quando è iniziato l’attacco.

READ  Il teorico della cospirazione Alex Jones deve pagare un risarcimento per la pretesa bufala | ADESSO

“Situazione in pericolo di vita”

I residenti di Amburgo sono stati avvertiti di una “situazione pericolosa per la vita” tramite un’app di allerta della polizia. Le strade intorno alla casa di preghiera sono state chiuse. Ai residenti è stato chiesto di restare a casa e di non telefonare, per non sovraccaricare la rete mobile.

Il sindaco Peter Tschentscher di Amburgo ha reagito scioccato. “Esprimo le mie condoglianze alle famiglie delle vittime. La polizia sta lavorando con tutte le sue forze per trovare gli autori il più rapidamente possibile e chiarire il caso”, ha detto Tschentscher su Twitter.

Il massacro è avvenuto nel distretto settentrionale di Amburgo, ad Alsterdorf. L’aiuto è massicciamente presente.

Ufficiali armati vicino alla scena del crimine.  Punto di accesso alle immagini

Ufficiali armati vicino alla scena del crimine.Punto di accesso alle immagini

Sparato più volte

La residente locale, la studentessa di 23 anni Lara Bauch, ha riferito nella tarda notte di giovedì che nell’edificio erano stati sparati ripetuti colpi di arma da fuoco. “Quattro volte e ogni volta sono stati sparati diversi colpi a intervalli di circa 20 secondi a un minuto. Ho guardato più lontano dalla finestra e ho visto una persona che correva come un indemoniato dal piano terra al primo piano dei Testimoni di Geova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *