Abramovich conferma la cessione del Chelsea: ‘Procedimenti alle vittime della guerra in Ucraina’ |  Calcio

Abramovich conferma la cessione del Chelsea: ‘Procedimenti alle vittime della guerra in Ucraina’ | Calcio

Lo ha reso noto il ricco russo attraverso una dichiarazione del Chelsea. “Vorrei affrontare le speculazioni mediatiche degli ultimi giorni sulla mia proprietà del Chelsea FC. Come ho detto prima, ho sempre preso decisioni nell’interesse del club. Nella situazione attuale, ho quindi preso la decisione vendere il club, perché credo sia nel migliore interesse del club, dei tifosi, dei dipendenti, nonché degli sponsor e dei partner del club”.

Iscriviti al Aggiornamento Calcio e rimani aggiornato con le ultime notizie di calcio.

Per continuare: “La cessione del club non sarà accelerata ma seguirà i buoni progressi. Non chiederò il rimborso del prestito. Per me non si trattava mai di affari o soldi, ma di pura passione per il gioco e per il club. Inoltre, ho incaricato il mio team di creare una fondazione di beneficenza a cui saranno devoluti tutti i proventi netti della vendita.

Il russo aggiunge: “La fondazione va a beneficio di tutte le vittime della guerra in Ucraina. Ciò include la fornitura di fondi essenziali per i bisogni urgenti e immediati delle vittime, nonché il sostegno agli sforzi di recupero a lungo termine. Per favore, sappi che questa è stata una decisione incredibilmente difficile e mi addolora dover dire addio al club in questo modo. Tuttavia, penso che sia nell’interesse del club.

Chelsea nel suo cuore

Abramovich chiude e saluta il suo club. “Spero di poter visitare lo Stamford Bridge un’ultima volta per salutarti personalmente. È stato un privilegio nella mia vita far parte del Chelsea FC e sono orgoglioso di tutti i nostri successi insieme. Il Chelsea e i suoi tifosi saranno sempre presenti il mio cuore.

READ  Marelli sfida la scelta dell'arbitro per Bologna-Juve

L’uomo d’affari svizzero Hansjörg Wyss ha dichiarato oggi di aver ricevuto un’offerta da Abramovich per rilevare il Chelsea. È quanto ha detto al quotidiano svizzero il miliardario 86enne Blick

Buona conoscenza di Putin

Abramovich è conosciuto come uno stretto conoscente del presidente russo Vladimir Putin. Ha anche un ruolo nei colloqui russo-ucraini, che si stanno svolgendo in Bielorussia. Dice di voler donare gran parte del ricavato della vendita del club alle vittime della guerra in Ucraina. “Vogliamo ottenere quanto più aiuto possibile alle persone che ne hanno bisogno ora. Inoltre, ci sarà anche un fondo per la ripresa dell’Ucraina a lungo termine.

Abramovich ha acquistato il Chelsea nel 2003. Ha poi investito centinaia di milioni nel club, che sotto la sua guida ha vinto cinque scudetti e due volte la Champions League.

Abramovich non interferisce con la gestione quotidiana del Chelsea da anni. Il russo ha perso il visto per il Regno Unito nel 2018 e da allora è stato visto raramente a Stamford Bridge. Era al Porto l’anno scorso quando il Chelsea ha vinto la finale di Champions League.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *