“Adesso mi metto in gioco”

“Adesso mi metto in gioco”

Il primo ministro israeliano Netanyahu

Notizie ONS

Il primo ministro israeliano Netanyahu ha dichiarato in un discorso televisivo che avrebbe perseguito “una riforma legale responsabile” nel paese. In Israele sono emerse profonde divisioni su queste riforme.

Oggi è stata approvata una legge che rende molto più difficile l’impeachment di un primo ministro in carica. Secondo la nuova legge, ciò è possibile solo se è fisicamente o mentalmente incapace di svolgere questa funzione.

Questa decisione dovrà poi essere approvata dal 75% dei ministri. Se un Primo Ministro si rifiuta ancora di andarsene, almeno il 75% dell’intero parlamento deve accettare di forzare l’uscita. La Corte Suprema è ora completamente messa da parte da questa decisione.

La legge fa parte di un pacchetto di riforme legali che il governo di estrema destra vuole attuare. Questi progetti dovrebbero tradursi in una riduzione dei poteri della Corte Suprema a vantaggio del parlamento.

Secondo il procuratore generale, Netanyahu non dovrebbe assolutamente interferire con le previste riforme legali, perché lui stesso è sotto processo per corruzione. Ma la legge approvata oggi consente a Netanyahu di impegnarsi nella riforma legale nonostante il caso di corruzione.

“Fino ad ora avevo le mani legate, ma ora mi metterò in gioco”, ha detto Netanyahu nel suo discorso.

Raccoglie

Il discorso del primo ministro fa seguito a un incontro con il suo ministro della Difesa di oggi. Il ministro Yoav Gallant, membro del partito Likud di Netanyahu, avrebbe dovuto chiedere stasera la sospensione delle riforme legali del governo di estrema destra per motivi di sicurezza nazionale e per disinnescare i disordini nell’esercito. Tuttavia, dopo la conversazione con Netanyahu, Gallant si è astenuto dal fare il proprio discorso o comunicato stampa.

READ  Uomo arrestato 47 anni dopo l'omicidio con una tazza di caffè | All'estero

Tuttavia, il partito della coalizione Jewish Force del ministro della sicurezza nazionale di destra radicale Ben-Gvir ha reagito con rabbia all’atteggiamento del ministro della Difesa. “Yoav Gallant si è collocato fuori dal campo di destra”, ha detto Jewish Strength.

“Non possiamo permettere che il conflitto metta a repentaglio il nostro futuro comune”, ha detto Netanyahu in televisione. “Farò di tutto per calmare le acque e ritrovare la coesione”.

Proteste settimanali, disordini nell’esercito

Le riforme proposte dividono la popolazione israeliana. Alcuni israeliani temono che la democrazia risentirà delle riforme. Un altro partito, più conservatore, accoglie con favore le modifiche alla legge perché considera il sistema giudiziario troppo progressista. Ad esempio, la Corte Suprema può sempre evacuare nuovi insediamenti israeliani di coloni, fondati senza l’autorizzazione delle autorità israeliane.

Decine di migliaia di israeliani sono scesi in piazza ogni settimana per tre mesi per protestare contro le riforme. Ci sono state anche proteste oggi, con strade principali bloccate e pneumatici delle auto incendiati. A Tel Aviv e Haifa, la polizia ha usato cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti.

La polarizzazione all’interno della popolazione colpisce anche l’esercito ei servizi di sicurezza israeliani. Alcune centinaia di riservisti d’élite si stanno attualmente rifiutando di presentarsi per esercitazioni o dispiegamenti e si sono uniti alle proteste.

‘Bugie’

L’opposizione israeliana definisce le osservazioni di Netanyahu stasera “bugie” e invita i politici dei partiti della coalizione a smettere di mostrare solidarietà al governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *