Adolescente svedese che ha ucciso due insegnanti con un’ascia è condannato all’ergastolo |  ADESSO

Adolescente svedese che ha ucciso due insegnanti con un’ascia è condannato all’ergastolo | ADESSO

Lo scolaro di 18 anni che a marzo ha ucciso con un’ascia due insegnanti donne per la vita Giovedì è stato condannato all’ergastolo. È la persona più giovane nella storia moderna del paese scandinavo a ricevere questa sentenza.

Il giovane è stato arrestato poco dopo l’attacco alla Malmö Latin School, una scuola secondaria di arti creative con più di 1.000 studenti nella città di Malmö, nel sud della Svezia. “Si tratta di due omicidi molto brutali in cui le vittime hanno sofferto un dolore enorme e hanno vissuto una profonda agonia”, ha detto il giudice delle azioni “particolarmente insensibili” dell’adolescente. La corte non è stata in grado di stabilire un motivo chiaro.

L’uomo si è dichiarato colpevole. Ha detto alla corte che sentiva che non c’era posto per lui nella società e credeva che sarebbe morto nell’attacco. Gli esami psichiatrici hanno mostrato che soffriva di una forma di autismo, ma secondo il tribunale non soffriva di un grave disturbo psichiatrico.

L’avvocato di Elison aveva chiesto una sentenza clemente a causa dei problemi di salute mentale del suo cliente e presenterà ricorso. In precedenza aveva affermato che il fatto che a Elison non fosse permesso prestare servizio nell’esercito ha avuto un ruolo. Secondo quanto riferito, ha fallito il test psicologico di accompagnamento.

La legge in base alla quale i giovani ricevevano pene più lievi per reati gravi è stata precedentemente modificata. L’ergastolo in Svezia tecnicamente non ha una data di scadenza, ma dopo dieci anni la persona condannata può chiedere la commutazione della pena. Questo è spesso rispettato, il che, secondo il Servizio penitenziario svedese, significa che in pratica un’ergastolo equivale a una media di sedici anni di carcere.

READ  Tensioni a Gerusalemme, Jihad islamica: "30 razzi sparati su Israele" | Ritorsioni contro Gaza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *