Afghanistan, bambino disperso nel caos aeroportuale tornato dal nonno a Kabul

Sohail Ahmadi, il bambino consegnato disperatamente a un soldato americano attraverso il muro dell’aeroporto di Kabul durante i giorni dell’evacuazione americana dall’Afghanistan, è tornato dal nonno, rimasto nella capitale afghana. Dal piccolo, che ad agosto aveva solo due mesi, non si era sentito niente fino a dicembre, la stampa aveva scoperto che Sohail era stato curato da un tassista Hamid Safi, 29 anni, di Kabul, che in quei giorni lo aveva trovato all’aeroporto e lo aveva riportato a casa. Dopo settimane di trattative e infine una breve detenzione da parte della polizia talebana, il tassista Safi oggi ha restituito il bambino al nonno e ad altri parenti rimasti a Kabul. Ad annunciare la notizia è l’agenzia Reuters. Ora dobbiamo capire come ricongiungerlo con i suoi genitori e fratelli, che sono stati evacuati negli Stati Uniti negli ultimi mesi. Mirza Ali Ahmadi e sua moglie Suraya – i genitori del bambino – temevano che il loro figlio sarebbe rimasto schiacciato tra la folla durante le operazioni. Per questo avevano deciso di affidarlo disperatamente ai soldati oltre il cancello. Dopo la scomparsa del bambino, il padre ha raccontato: “Ho cercato dappertutto per tre giorni, ma non c’era nemmeno lo spazio riservato ai bambini. Ho chiesto a più di 20 persone, ma non parlo inglese quindi non sono nemmeno riuscito a scoprire chi fosse il capitano. “

Leggi anche:

READ  Morti nelle proteste antigovernative in Sierra Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.